Breaking News
Pfas, procedono i lavori sugli acquedotti

La Commissione europea interviene sui Pfas

Venezia – “Da membro della commissione ambiente, sicurezza alimentare e salute pubblica in Parlamento europeo ed ex amministratore locale ho voluto presentare un’interrogazione per comprendere cosa la Commissione europea intenda fare in merito ai parametri sui Pfas”. Sono parole di Damiano Zoffoli, europarlamentare Pd della commissione Nord Est (Veneto, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia-Giulia e Trentino-Alto Adige).

“La Commissione europea – prosegue Zoffoli – ha già inserito nella propria programmazione del 2017 una proposta di revisione della Direttiva sull’acqua potabile e, in questo contesto, intendo battermi per i limiti sui Pfas. Appena la proposta verrà resa pubblica sarà mio impegno tornare nel territorio per discuterne i contenuti con i portatori d’interesse e i consiglieri regionali e amministratori locali.”

“È molto importante – ha comentato il capogruppo Pd in consiglio regionale, Stefano Fracasso, – che l’Unione Europea intervenga, grazie alla revisione della Direttiva sulle Acque potabili, in modo da dare un indirizzo per tutti i Paesi europei, come elemento di sicurezza per tutti i cittadini. In questi mesi, infatti, il riferimento a quale fosse il limite più adeguato (tedesco, svedese, americano…) ha ingenerato confusione su un tema di per sé molto complesso”.

“Ben vengano –  a aggiunto la consigliere regionale Cristina Guarda – i nuovi parametri dell’Efsa con limiti più ristrettivi sui Pfas e da applicare su tutti i campi, per questo lo richiesta dell’on. Zoffoli è necessaria. Comunque ciò che al Veneto serve urgentemente è un impegno forte, diverso da quello messo finora, da parte della politica affinché corregga gli errori del passato.”

“Come Pd provinciale – ha concluso la segretario provinciale del Pd Veronica Cecconato – ci siamo battuti sul tema dei Pfas a tutela della salute dei cittadini. Sono profondamente convinta che il tema centrale sia realizzare politiche atte a fare in modo che le aziende non producano prodotti che non possono essere smaltiti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *