Bassano, inseguimento ad alta velocità nella notte

Bassano del Grappa – Inseguimento ad alta velocità nella serata di ieri tra Bassano ed i suoi dintorni. Sono stati i carabinieri della stazione di Romano d’Ezzelino ad insgeuire dei malviventi che fuggivano a bordo di una vettura Mini One rossa, una caccia che alla fine si è conclusa con i criminali che hanno dovuto abbandonare l’auto, lasciando bordo la refurtiva del loro ultimo furto e fuggendo a piedi per i campi. Era stata la segnalazione al 112 di cittadino a far iniziare tutto. Nella telefonata si parlava di un auto Mini One rossa, con tettuccio bianco. A bordo c’erano tre tre persone e si aggiravano con fare sospetto fra le abitazioni a confine fra Bassano e Rosà.

Una rapida verifica dei carabinieri ha rivelato poi che l’auto risultava rubata a Vicenza, il 29 settembre scorso, quindi doveva trattarsi, con ogni probabilità, di malviventi dediti a furti, probabilmente nelle abitazioni. Vengono così diramate le ricerche su tutta la zona, con l’invio di ogni pattuglia disponibile, e dopo e dopo soli tre minuti l’autovettura viene intercettata dall’equipaggio della stazione di Romano d’Ezzelino che inizia l’inseguimento su Via Capitelvecchio, sino al Centro Commerciale “Il Grifone”.

I malviventi tentano di fuggire, ma sono raggiunti dai carabinieri, motivo per cui gli occupanti abbandonano la macchica e si lanciano in fuga a piedi per i campi adiacenti. Inutili purtroppo le ricerche condotte fino alla tarda serata. I ladri sono riusciti a fuggire. All’interno dell’auto è stato comunque trovato il provento di un furto commesso poco prima in una abitazione di Rosà, e sia la refurtiva che l’auto saranno riconsegnate in giornata ai legittimi proprietari.

“Ancora una volta – sottolinea una nota del comando dei carabinieri – la veloce segnalazione di un cittadino consapevole ha consentito il pronto intervento dei nostri militari, con la restituzione di un’autovettura e del provento di un furto, per la massima soddisfazione di chi aveva subito l’ingiusto danno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *