Breaking News

Vicenza, riaperta la passerella dei Ferrovieri

Vicenza – Si sono conclusi i lavori di manutenzione straordinaria della passerella ciclopedonale in viale D’Annunzio, tra i quartieri dei Ferrovieri e di San Lazzaro. La struttura, dopo l’intervento, ha assunto un aspetto più gradevole e garantisce più percorribilità e sicurezza. A presentare oggi la nuova veste della passerella c’erano l’assessore alla cura urbana Cristina Balbi e i consiglieri comunali Lorenza Rizzini e Raffaele Colombara.

“Sono soddisfatta – ha detto l’assessore -, prima di tutto perché manteniamo la promessa di riaprire la passerella prima dell’inizio delle scuole, un obiettivo primario che assicura un collegamento protetto tra i due quartieri, a beneficio di pedoni e ciclisti. Da tempo la passerella risultava degradata e priva di luminosità adeguata. In passato siamo intervenuti per migliorare la situazione ma era necessario effettuare altri interventi. Per questo ci siamo impegnati ed abbiamo investito le risorse economiche necessarie. Il progetto, predisposto da Aim, è stato poi programmato compatibilmente con le esigenze di utilizzo della linea ferroviaria. Il dialogo con Rfi ci ha consentito anche di far intervenire i tecnici ferroviari per verificare lo stato della parte sottostante della struttura e far loro programmare alcuni ulteriori interventi di manutenzione”.

“Un red carpet tra la città e i ferrovieri! – ha aggiunto Raffaele Colombara – Quanto la passerella sia importante per il quartiere lo si è capito in questi mesi di chiusura, nei quali, a piedi o in bicicletta, i cittadini hanno dovuto percorrere il cavalcavia Ferreto de Ferretti. La riqualificazione della passerella dà un contributo anche in termini di sicurezza urbana ad un’area in cui, nell’ultimo periodo, si sono verificati fenomeni che preoccupano i cittadini”.

La questione della passerella si era posta inizialmente nel 2012, quando se ne era prospettata una chiusura notturna, contro la quale non pochi si sono battuti. Nell’aprile 2013 è stata la volta di una petizione, che ha raccolto alcune centinaia di firme, e dell’installazione di telecamere. Tra il 2014 ed il 2015 l’amministrazione comunale ha fatto una variazione al bilancio per trovare i finanziamenti. Poi, la progettazione, le autorizzazioni, fino ai lavori che oggi permettono di camminare in sicurezza sulla nuova passerella, con un’illuminazione che, insieme alle telecamere, permette anche la prevenzione di fenomeni di microcriminalità.

L’intervento, iniziato a fine giugno, è costato 70 mila euro. E’ stato stato eseguito dall’Impresa Sartori srl, di Casalserugo (Padova), mentre Aim ha curato il progetto e la direzione dei lavori. Il progetto, prima della realizzazione, è stato sottoposto a Rete ferroviaria italiana (Rfi) che ha espresso parere favorevole. Oltre alle verniciature, e’ stata rifatta la pavimentazione del percorso e dei gradini, su cui sono stati posati angolari antiscivolo, completamente rifatto l’impianto di illuminazione, con luci a led. La rampa nord inoltre è ora protetta con reti metalliche mentre sono state sistemate le recinzioni che la separano dalle case. La rampa è stata anche allargata per agevolare i ciclisti nella salita e discesa. Infine è stata asfaltata la base della rampa verso San Lazzaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *