Breaking News
Militari in servizio nell’ambito dell’operazione “Strade sicure” - (Foto da: www.esercito.difesa.it)
Militari in servizio nell’ambito dell’operazione “Strade sicure” - (Foto da: www.esercito.difesa.it)

Vicenza, l’esercito in città per “Strade sicure”

Vicenza – Entro la fine del mese di settembre, per gestire l’attività di controllo del territorio, la prefettura di Vicenza potrà contare su un aumento del personale a disposizione. Nello specifico, nell’ambito dell’operazione dell’esercito italiano denominata “Strade sicure”, arriveranno in città dodici militari che appartengono al raggruppamento triveneto e che sono in forza al reggimento lagunari “Serenissima” di Venezia.

L’avviso al prefetto di Vicenza, Umberto Guidato, dell’invio di queste nuove forze in città, è stato trasmessa oggi dal Ministero dell’interno, che ha così accolto la richiesta di assegnazione di militari di rinforzo, avanzata dalla prefettura berica il primo di agosto, in seguito ad una riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Un incontro, questo, che si era tenuto lunedì 31 luglio, proprio per analizzare la situazione della sicurezza a Vicenza.

Durante la riunione, anche in seguito al ripetersi di episodi di violenza, era stata disposta una intensificazione dei controlli sul territorio da parte delle forze dell’ordine. In pratica dei servizi straordinari di vigilanza, in aggiunta a quelli svolti normalmente. Sempre nel corso di questo incontro era stata poi esaminata e condivisa da tutti i partecipanti la proposta, del sindaco di Vicenza, Achille Variati, di chiedere l’assegnazione di personale militare, con l’intento di affiancarlo alle forze già attive sul territorio. Ed oggi è arrivata la risposta positiva del dicastero presieduto da Marco Minniti.

“Apprendo con soddisfazione – ha commentato Variati – la decisione del ministero dell’Interno di accogliere la nostra domanda di invio dell’esercito, in particolare per la zona di Campo Marzo. In quest’area, ma in generale in tutta la città, i controlli sono da tempo costanti e pressanti grazie all’impegno delle forze dell’ordine e della polizia locale. Nonostante questo, alcuni gravi episodi accaduti nei mesi estivi e l’acuirsi della minaccia del terrorismo internazionale mi hanno convinto dell’opportunità di chiedere l’inserimento di Vicenza nel programma Strade sicure”.

“La presenza dei militari – ha concluso – può essere un valido ausilio per le forze dell’ordine nella vigilanza dei luoghi sensibili, in particolare considerando le carenze di organico della questura, alla quale servono altri uomini, come ho di recente spiegato, in una lettera, al ministero. Nei prossimi giorni sarà elaborato d’intesa uno specifico programma per l’utilizzo dell’esercito nel modo più opportuno per la nostra città a garanzia e sicurezza dei cittadini perbene”.

Anche il deputato del Pd Federico Ginato è intervenuto dopo la risposta positiva da parte del Ministero in merito alla richiesta avanzata da Vicenza per l’invio dell’esercito.  “L’arrivo dell’esercito in città – ha detto – è la risposta concreta del governo a una precisa richiesta avanzata dal territorio. Una soluzione che permetterà di migliorare la sicurezza e aumentare il controllo in città e più nello specifico nelle zone sensibili come per esempio Campo Marzo. La riqualificazione di questo polmone verde passa sicuramente attraverso un aumento della presenza delle forze armate, ma anche tramite il recupero delle marginalità e la spinta a far vivere il parco con attività ed eventi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *