Vicenza in Lirica si conclude con Vivaldi

Vicenza – Un concerto dei musicisti del conservatorio di Milano chiuderà domani sera, sabato 9 settembre, alle 21, presso il Tempio di Santa Corona, la quinta edizione del Festival Vicenza in Lirica. eseguendo “L’estro armonico”, di Antonio Vivaldi. “Scegliere di terminare il festival – sottolineano gli organizzatori – con uno dei capolavori del barocco che più di ogni altro si è fissato il superamento di un limite aprendo poi lo sguardo verso orizzonti totalmente inaspettati, fa da perfetto corollario con l’intento di questa edizione, e cioè creare ponti che ci uniscano attraverso una delle nostre creazioni più elevate, trascurando o isolando gli innumerevoli muri che, sorgendo da ogni lato del nostro mondo, sembrano soffocare quella forma di libero pensiero da sempre osteggiato e prevaricato”.

“Nessuna edizione strumentale a stampa settecentesca ha avuto un impatto, un’influenza e una diffusione maggiori di quelli esercitati dalla prima raccolta di concerti vivaldiani, “L’estro armonico”, pubblicata come opera terza nel 1711. Quasi immediatamente questi concerti, per alcuni versi così essenziali e per altri molto complessi, furono presi a modello un po’ in tutta Europa, dove furono eseguiti, trascritti o, più semplicemente, imitati da un’intera generazione di compositori. Vivaldi configurò i dodici concerti della raccolta in tre sottogruppi distinti, alternandoli secondo uno schema regolare: ogni gruppo di tre concerti inizia con un concerto per quattro violini obbligati, continua con un concerto per due violini obbligati e si conclude con uno per un solo violino obbligato”.

Ricordiamo che la quinta edizione del Festival Vicenza in Lirica dialoghi barocchi è un progetto organizzato ed ideato dall’associazione Concetto Armonico, con il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, della Region del Veneto e della Provincia di Vicenza, con il sostegno e l’ospitalità del Comune di Vicenza e delle Gallerie d’Italia Palazzo Leoni Montanari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *