Breaking News

Referendum, intesa tra Regione e Prefetture

Venezia – Siglata ieri, a Venezia, tra il presidente della Regione e i sette prefetti del Veneto, un’intesa che definisce le rispettive competenze e attività per lo svolgimento del referendum sull’autonomia del mese di ottobre. “Abbiamo percorso e stiamo percorrendo una strada impervia e non nota, perché è la prima volta che una Regione tiene un referendum così significativo con valenza costituzionale – ha Zaia – e quindi oggi è una data storica: il cammino richiesto dalla legge per fare le cose per bene è concluso”.

“Ringrazio per la disponibilità a collaborare il ministro dell’Interno Minniti e i prefetti del Veneto – ha aggiunto il presidente – anche perché gli aspetti pratici e operativi da organizzare sono moltissimi, dai più rilevanti, come l’attivazione delle istituzioni, a quelli più curiosi, come il reperimento delle matite copiative. Un gran lavoro, che ci apprestiamo a fare assieme per permettere ai veneti di esprimersi. Abbiamo di fronte una pagina bianca tutta da scrivere, e lo faremo con il rispetto e l’equilibrio che la circostanza impone”.

Nell’occasione, il presidente della Regione ha ufficializzato anche la soluzione del problema dell’utilizzo o meno della tessera elettorale personale. “Gli elettori – ha detto il governatore – dovranno recarsi ai seggi portandola con sé ed esibendola agli scrutatori. Una volta espresso il voto, non verrà apposto il tradizionale timbro sulla tessera, ma verrà rilasciata una dettagliata ricevuta che attesterà l’avvenuta espressione di voto”.

Inoltre, nell’accordo, il ministero dell’Interno, per il tramite delle Prefetture, garantisce la collaborazione tecnico organizzativa per la revisione e la messa a disposizione delle liste elettorali, per la vigilanza sulla propaganda elettorale, per la tutela dell’ordine pubblico e il presidio dei seggi, per la messa a disposizione degli edifici scolastici e di ogni altro plesso per ospitare le sezioni elettorali. Le Prefetture, dal canto loro, comunicheranno alla Regione il numero delle sezioni elettorali da utilizzare, individuate dai Comuni; collaboreranno nei rapporti con i Comuni e la Corte d’Appello per la nomina dei presidenti di sezione e dei componenti degli uffici elettorali di sezione; assicureranno alla Regione un supporto per la diffusione di circolari e istruzioni sulla consultazione.

La Regione, che sosterrà gli oneri della realizzazione del referendum, predisporrà gli atti e gli stampati necessari; potrà individuare in collaborazione con i Comuni un numero ridotto di eventuali sezioni elettorali accorpate; curerà l’interlocuzione con i Comuni e la Corte d’Appello per la nomina dei componenti e dei Presidenti delle sezioni referendarie; si incaricherà, anche a mezzo della comunicazione elettronica, della trasmissione delle istruzioni per gli uffici e di ogni altro materiale utile per lo svolgimento del referendum. E’ infine istituito un organismo di raccordo composto da rappresentanti della Regione e delle Prefetture, coordinato dal prefetto di Venezia Carlo Boffi, per i rapporti con il sistema delle autonomie, con il compito di provvedere a tutti gli aspetti applicativi dell’intesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *