Vicenzavicenzareport

Forza Italia: “No a un Hotel Europa ghetto”

Vicenza – “La gestione dei profughi è un vero e proprio affare, e ne abbiamo le prove evidenti in città: lo dimostra il fatto che una realtà economica impegnata già nella proprietà e gestione di una struttura che ospita profughi, l’Hotel Adele, acquisti ora un altro edificio (l’ex hotel Europa) probabilmente da adibire a struttura di accoglienza per richiedenti asilo”.  Sono parole di Matteo Tosetto, commissario provinciale di Forza Italia, a proposito dell’aggiudicazione all’asta fallimentare dell’edificio dell’ex hotel Europa di Ponte Alto, a Vicenza, da parte di un’azienda di costruzioni che è già proprietaria del 95% del complesso dove si trova l’Hotel Adele, in via Medici.

Matteo Tosetto
Matteo Tosetto

“Invito le autorità locali, le forze politiche e i rappresentanti dello Stato e del Governo – continua Tosetto – a riflettere sui risvolti etici, sociali, demografici, economici ed organizzativi di questo business che, alla lunga e gestito nel modo attuale, porta solo guai ai nostri territori e a tutto il Paese. Come Forza Italia, lanciamo un appello al sindaco Achille Variati affinché all’ex Hotel Europa i privati siano obbligati ad un intervento di riqualificazione, con il rilancio della zona, e non possano realizzare un hub per richiedenti asilo col rischio di creare un vero e proprio ghetto”.

“Come è avvenuto per Via Catalani – sottolinea l’esponente di Forza Italia -, il Comune di Vicenza faccia presente alla Prefettura che in quel quartiere la situazione è già difficile, e che c’è un serio rischio di degrado. Ribadiamo la nostra richiesta di avere una mappatura delle strutture e degli appartamenti che ad oggi ospitano i richiedenti asilo. Vicenza città, prima di accogliere altri profughi, deve  avere in mano un censimento preciso e aggiornato e una mappatura reale degli appartamenti e locali utilizzati a tale scopo. Dobbiamo evitare di creare ghetti che porterebbero danno sia sociale, sia demografico, sia economico”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button