Veneto

Pfas, Venezia vs Roma: “Problema in mezza Italia”

Venezia – “L’inquinamento da sostanze perfluoro alchiliche, salite alla cronaca come Pfas, è stato rilevato da tempo in più parti d’Italia come dimostrano le tabelle prodotte nella ricerca del Cnr, che evidenziò il problema, e le note del Ministero dell’Ambiente, del 18 maggio scorso la prima, nella quale si indicava a tutte le Regioni di attivare piani di monitoraggio, e del 23 agosto la successiva, nella quale il Ministero sollecitava le Regioni a farlo. Per contro ieri il Ministero della Salute ci ha detto ufficialmente, con nota del direttore generale della Prevenzione sanitaria, che il problema di fatto esiste solo in Veneto e che non si ritiene di fissare limiti di performance nazionali. La vistosa discrasia di valutazione che emerge tra i due dicasteri è quanto meno preoccupante”.

Con queste parole, l’assessore all’ambiente della Regione Veneto Gianpaolo Bottacin torna oggi sulla questione dell’inquinamento da Pfas, che ha colpito una vasta area della nostro territoriuo ma che, secondo le tabelle Cnr in possesso dell’assessore e dei tecnici veneti, interessa varie zone d’Italia.

“Dallo studio Cnr – rivela l’assessore – forme di inquinamento di questo tipo sono state rilevate, in concentrazioni più alte, nelle aree industriali del Bormida e nel Bacino del Lambro, oltre che in Veneto. Se l’impianto fluorochimico Trissino è la maggior sorgente individuata, un’altra sorgente significativa è l’area della concia di Santa Croce sull’Arno. Interessata è anche praticamente l’intera asta del Po, con la sorgente più significativa nel sottobacino Adda-Serio e con carichi da Torino a Ferrara. Per quanto riguarda i Pfoa, Trissino è in buona compagnia con l’area degli impianti chimici piemontesi di Spinetta Marengo”.

“Di fronte a questo quadro, e alle iniziative del Ministero dell’Ambiente – aggiunge Bottacin – risulta sempre più incomprensibile l’atteggiamento del dicastero della salute, che non ritiene necessario fissare limiti nazionali. Il risultato è che il solo Veneto si è mosso con celerità e ha speso in assoluta autonomia e solitudine, sia per la messa in sicurezza degli acquedotti e dell’ambiente, sia per la prevenzione sanitaria. Abbiamo pronti, e li abbiamo inviati a Roma, i progetti per interventi strutturali sulle reti idriche che risolvano il problema alla radice.

“Quelli che non sono pronti – conclude l’assessore – sono gli 80 milioni promessi dal governo e ripetutamente garantiti dai suoi sostenitori sul territorio. Roma ci tratta quasi come se avessimo delle colpe, ma l’unica è quella di esserci immediatamente attivati, unici in Italia, per la salvaguardia dei nostri cittadini. Dobbiamo arrangiarci anche in questo caso? Ditelo chiaro”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button