Poco fuori Livorno, la superstrada allagata (Foto Misericordie Toscane)
Poco fuori Livorno, la superstrada allagata (Foto Misericordie Toscane)

Nubifragio a Livorno. Solidarietà dal Veneto

Venezia – L’ondata di maltempo che sta attraversando l’Italia ha colpito duro nelle ultime ore, ma non dalle nostre parti. A farne spese è stata sopratutto costa toscana con la città di Livorno, nello specifico la sua periferia sud, investita da un fortunale che ha riversato in due ore la quantità di pioggia che cade in due mesi. E purtroppo ci sono vittime. Si parla di sei morti ed almeno due dispersi, ma il bilancio finale potrebbe essere anche più pesante.

Tra i morti si annovera un bambino di 4 anni, che viveva con la sua famiglia, composta dai genitori ed il nonno, in un appartamento al piano terra, in via Nazario Sauro. L’onda di piena di un torrente presente nella zona non ha lasciato loro via di scampo e sono tutti annegati. La città, in queste ore, è ovviamente in ginocchio, con molte zone allagate, fango e detriti ovunque.

Solidarietà arriva a Livorno da tutta Italia, e la nostra regione è stata tra le prime a mettersi a disposizione. “Sappiano gli amici della Toscana che siamo al loro fianco e che possono contare sul nostro aiuto solidale”, ha dichiarato presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, che sta seguendo con preoccupazione per le devastanti conseguenze dei nubifragi che hanno colpito il litorale toscano. Lo ha fatto in un messaggio inviato al presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, assicurandogli la piena disponibilità del Veneto a mettere in moto la macchina regionale dei soccorsi.

“Purtroppo ben conosciamo, per esperienza diretta, la furia devastatrice dell’acqua e del maltempo – ha aggiunto Zaia – e condividiamo, quindi, con sincera apprensione, lo sconcerto e il dolore per le vittime e i danni di queste ore. Siano in prima fila nell’offrire qualsiasi tipo di aiuto o assistenza possa essere ritenuto utile e opportuno, in questa prima fase di emergenza e nei prossimi giorni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *