Un meteorologo Arpav su Messenger di Facebook

 Padova – Lo scorso anno l’Italia ha recepito la direttiva europea che sancisce il principio secondo cui ogni dato pubblico accessibile è riutilizzabile, può essere cioè elaborato da soggetti diversi e consentire lo sviluppo di nuove attività e servizi. Gli open data possono dunque generare una catena di valore.

Ed è utilizzando il Database Xml di Arpav che è nato il primo chatbot di Facebook Messenger, dedicato al meteo in Veneto, che si avvale di un’avanzata tecnologia di riconoscimento del linguaggio naturale da parte di intelligenze artificiali. Questo è stato possibile perché Arpav rilascia pubblicamente e liberamente, con il solo 
obbligo di citare la fonte, i propri dati.

Si chiama “Meteo Veneto bot” ed è stato realizzato dall’azienda bellunese Smshosting. Senza bisogno di scaricare alcuna app, basta accedere alla piattaforma Messenger, cercare Meteo Veneto bot e porre le proprie domande sul meteo del Veneto al “colonnello robot” Teo Bot. Il “colonnello” risponde alle domande sul meteo dei comuni veneti e, su richiesta, può notificare degli alert per la zona impostata. Il servizio è gratuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità