Breaking News

Commissione parlamentare d’inchiesta alla Miteni

Trissino – Sopralluogo alla sede della Miteni di Trissino da parte della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti. La delegazione, tutta di duputati e senatori, era composta dal suo presidente, Alessandro Bratti, e da Giovanna Palma, Stefano Vignaroli, Alberto Zolezzi, Paolo Arrigoni, Giuseppe Compagnone, Paola Nugnes e Laura Puppato. Tutto questo tra ieri ed oggi, 14 e 15 settembre, e si è proceduto anche ad una serie di audizioni per fare luce sulla situazione di contaminazione da Pfas nelle acque del territorio.

“La commissione – spiega una nota in proposito della Prefettura, dove è stato ascoltato anche l’amministratore delegato della Miteni, Alessandro Nardone, – che ha già approvato una relazione sull’inquinamento delle sostanze perfluoroalchiliche in alcune aree della regione Veneto l’8 febbraio 2017, ha rilevato una forte tensione sociale dovuta ai ritardi degli investimenti finalizzati a disporre di nuove fonti di approvvigionamento idrico per l’acqua potabile, verificando anche un impegno delle istituzioni sul fronte ambientale e sanitario. In sostanza, si è sicuramente di fronte ad un fenomeno di inquinamento molto diffuso nell’area veneta ma che, più in generale, riguarda il tema dei cosiddetti interferenti endocrini”.

In particolare la Commissione ha verificato l’attività svolta dalla procura della Repubblica di Vicenza, con cui sarà attivata una stretta collaborazione, e dai carabinieri del Noe, che stanno svolgendo indagini e approfondimenti di assoluta importanza. L’inchiesta procederà con le audizioni a Roma del Ministero dell’ambiente, degli assessori regionali all’ambiente e alla sanità del Veneto e dei sindaci di Trissino e di Lonigo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *