Il Museo del Risorgimento e della Resistenza, a Vicenza
Il Museo del Risorgimento e della Resistenza, a Vicenza

Musei, le Giornate europee del patrimonio a Vicenza

Vicenza – Sabato 23 e domenica 24 settembre sono in programma le Giornate europee del patrimonio, Gep. A questa manifestazione, promossa dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione europea, che ha l’obiettivo di favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra le nazioni europee, aderiranno anche i Musei civici di Vicenza.

Per quanto concerne il programma degli appuntamenti, sabato 23, alle 10.30, il Museo del Risorgimento e della Resistenza di Villa Guiccioli, proporrà, grazie alla collaborazione tra assessorato alla crescita e Alliance Française di Vicenza, “Grande guerra, Francesi in Italia”, un evento ad ingresso libero dedicato alla “shared history”, la “storia condivisa”, con la presentazione di tre libri.

Nel centenario del primo conflitto mondiale, il Museo di Villa Guiccioli  ha infatti scelto di raccontare, nei tre volumi, tre aspetti diversi, ma correlati, della Grande guerra, per ribadire come il territorio vicentino sia stato protagonista, durante il conflitto, di vicende che hanno coinvolto soldati di altri paesi, che hanno attraversato, che vi hanno combattuto e vissuto per mesi.

Il primo volume, “Fuoco sull’Ortigara!”, sarà presentato dagli autori Luigino Caliaro e Luca Girotto. “Il libro, che comprende anche foto inedite, – spiega una nota di presentazione – narra una storia appassionante e a lungo dimenticata che svela il ruolo dell’artiglieria pesante francese e dell’aviazione negli scontri del giugno 1917 e si farà luce anche sul mito dei mori da cannoni”.

La seconda pubblicazione, “L’aviazione francese in Italia. 1915-1918” di Luigino Caliaro e Roberto Gentili, “offre un’interessante panoramica sulla guerra combattuta in volo. Frutto di approfondite ricerche negli archivi di Roma e di Parigi, il libro ricostruisce vicende belliche e riporta 40 piccole biografie dei piloti privilegiati del Lido di Venezia e dei soldati che hanno volato sulle Alpi fino agli ultimi giorni di guerra”.

Con il terzo volume, “Grande Guerra. Francesi sull’Altopiano dei Sette Comuni” di Andrea Vollman e Francesco Brazzale, si entrerà nel vivo della presenza dei soldati francesi sul territorio vicentino. “Vollman parlerà della ricerca storica sulla figura del fante contadino dell’esercito francese che, vestito dell’uniforme color Bleu Horizon, mette piede in Italia per aiutare l’alleato in difficoltà dopo Caporetto nell’ultimo anno di guerra”.

Passando, invece, brevemente in rassegna le iniziative previste per le Gep negli altri musei di Vicenza, a Palazzo Chiericati, sabato e domenica, sarà possibile visitare la mostra Fuoricentro con ingresso gratuito. Sarà inoltre possibile partecipare alle visite guidate gratuite domenica alle 10.30 e alle 15.30.

Al Museo Naturalistico Archeologico, sabato 23, dalle 16 alle 18 ci sarà una visita guidata, a numero chiuso, su prenotazione con pagamento del biglietto di ingresso al Museo (3,50 euro), alla mostra Legumi&Legami. Sempre sabato, alle 15 e alle 16.30, sono in programma visite guidate alla sezione di arte africana del Museo Diocesano, alla scoperta degli animali nella cultura dell’Africa Nera. Ingresso con biglietto ridotto del Museo (3,50 euro).

La mostra “Arte in gocce: non solo Barocco”, allestita alle Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari sarà visitabile sabato con biglietto di ingresso a 1 euro. Domenica, invece, il biglietto intero sarà in vendita a 5 euro e il ridotto a 3. Per finire, al Palladio Museum sabato e domenica, alle 10.30 e alle 16, ci saranno visite guidate gratuite comprensive nel biglietto di ingresso al Palladio Museum, con prenotazione obbligatoria (0444323014, accoglienaza@palladiomuseum.org). Domenica 24, dalle 10 alle 12, i bambini dai 7 ai 12 anni potranno partecipare a “Quando Vicenza aveva le ruote”, un laboratorio ideato per i “FamilyLab” di Kids University, in collaborazione con l’università di Verona. Per l’uscita dal museo sarà richiesta una liberatoria dei genitori. Prenotazione obbligatoria: 0444 323014, didattica@palladiomuseum.org.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *