Breaking News

Prostituzione, un fenomeno da regolamentare?

Vicenza – “Sarebbe anche ora che il parlamento italiano decidesse cosa fare dell’annosa questione. Ha ragione Matteo Salvini​, il fenomeno va regolamentato”. Sono parole del portavoce del comitato PrimaNoi Alex Cioni, a commento delle dichiarazioni del leader del Carroccio dopo l’aggressione subita da una prostituta tra Anzio e Nettuno. “Dopo l’abolizione delle case di tolleranza, la legge Merlin non ha vietato l’esercizio della prostituzione ma ha creato le condizioni per un mercato sommerso ma visibile a tutti -spiega Cioni-, un fenomeno che negli anni si è ingigantito in ogni città italiana, anche nella più piccola di provincia, tant’è che in realtà come Schio e Thiene sono numerose le prostitute che esercitano in appartamenti inseriti in contesti urbani e residenziali”.

Secondo Cioni, “l’altra via è quella di fare come accade in molti Paesi dell’est europa, vietare l’esercizio della prostituzione punendo severamente chi si prostituisce e i loro clienti. In Italia invece siamo nel mezzo: né l’una né l’laltra, il che ha creato il caos e il degrado urbano di molte città senza considerare la questione dello sfruttamento che va ad ingrassare papponi e organizzazione criminali”.

“I sindaci sono costretti a barcamenarsi – ha proseguito Cioni – scrivendo ordinanze anticostituzionali come le maxi multe da 500 euro per i clienti e le prostitute, misure che non sono servite a nulla, vedasi infatti quanto accade ogni notte lungo Corso San Felice e viale Verona, a Vicenza, fino ad Alte di Montecchio. Va anche detto che in quelle strade è aumentato in modo considerevole il numero delle ragazze africane, le quali spesso sono richiedenti asilo ospiti in strutture di accoglienza della zona”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *