Cronaca

Prima arrestato per violenze, a casa poi gli trovano armi

Val Liona – Nei giorni scorsi un ventenne romeno era stato arrestato a Campo Marzo dagli agenti della questura di Vicenza, perché accusato di violenza e di resistenza a pubblico ufficiale. Scarcerato il 2 agosto, ieri il giovane è finito di nuovo nei guai dato che è stato denunciato anche dai carabinieri di Brendola con l’accusa di detenzione abusiva di armi.

Per quanto riguarda i fatti, ieri, 3 agosto, i militari sono intervenuti nel comune di Val Liona, nell’abitazione dove il giovane vive con la compagna, dopo la segnalazione, da parte dei vicini di casa, di una lite in corso tra i due fidanzati.

Giunta sul posto, la pattuglia ha prima riportato la situazione alla calma ed ha poi effettuato una perquisizione dell’abitazione, al fine di verificare la presenza di armi e scongiurare così eventuali situazioni di rischio. La ricerca dei carabinieri si è conclusa con il ritrovamento di diverso materiale.

Nel dettaglio, come specificano i militari, sono state trovate una balestra a molla con diottra, una pistola a gas con fondina cosciale, una carabina ad aria compressa calibro 4,5 con diottra, frecce in metallo con punta acuminata intercambiabile, tre “blade broadhead” in metallo per frecce da balestra, un pugnale con circa 20 centimetri di lama ed uno con lama di circa 30 centimetri. Per questo il giovane è stato denunciato alla Procura berica con l’accusa di detenzione abusiva di armi e il materiale sequestrato.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button