Vicenza, nuovi posti e regole per le bici in stazione

Vicenza – Sono 678 i posti disponibili da lunedì 10 luglio per parcheggiare le biciclette nelle vicinanze della stazione ferroviaria e in viale Roma. 326 saranno liberi e gratuiti nelle rastrelliere, 220 a pagamento nel Bicipark della stazione e 132 riservati agli abbonati Svt. Inoltre gli stalli disponibili in viale Roma aumenteranno in settembre quando arriveranno le nuove rastrelliere. Sempre il 10 luglio entrerà in vigore l’ordinanza che prevede la rimozione forzata delle bici parcheggiate in stazione, impropriamente agganciate ad elementi di arredo urbano, a pali della segnaletica stradale o dell’illuminazione, a strutture per la pubblicità, a piante…

Nel piazzale della stazione, e per trenta metri lungo viale Roma, a partire dalla rotatoria, su ambo i lati, verrà così istituto un divieto di sosta con rimozione forzata per i velocipedi, compresi quelli non funzionanti, parcheggiati in aree o agganciati a supporti non idonei. Lunedì verranno anche rimosse le biciclette parcheggiate nelle sei rastrelliere collocate ai lati dell’ingresso della stazione ferroviaria, poiché queste verranno spostate in viale Roma. A spostamento avvenuto, sarà dunque possibile servirsi di nuovo di queste sei rastrelliere.

Le bici ritenute funzionati saranno rimosse e portate nella sede della ditta Veloce – Vicenza Logistic Center srl in via del Mercato Nuovo, dove i proprietari, pagando 10 euro come rimborso per le spese di rimozione, potranno recuperarle presentando le chiavi del lucchetto, la combinazione numerica della chiusura o un altro mezzo valido a dimostrare la proprietà del mezzo. A carico della persona che si presenterà per il ritiro la polizia locale emetterà, inoltre, una sanzione di 41 euro, come previsto dal codice della strada, che potrà essere ridotta del 30% se pagata entro 5 giorni.

Dal 31esimo al 90esimo giorno dalla rimozione, le biciclette potranno essere recuperate nel magazzino comunale di via Strasburgo su appuntamento telefonico. Trascorsi 90 giorni senza che nessuno ne rivendichi la proprietà, il mezzo rimosso sarà trattato dal settore provveditorato del Comune come oggetto abbandonato, e quindi indirizzato alla vendita all’asta o alle altre forme di utilizzo previste dal regolamento comunale.

“Ci siamo preparati – ha spiegato l’assessore alla progettazione e sostenibilità urbana Antonio Dalla Pozza – per offrire quanta più disponibilità possibile in termini di posti per i velocipedi. Come ampiamente annunciato, lunedì provvederemo a rimuovere i mezzi parcheggiati in stazione nei luoghi non idonei o nelle sei rastrelliere del piazzale della stazione che abbiamo previsto di spostare in viale Roma. Oggi le bici impropriamente legate ad elementi di arredo, stanno causando lo spanciamento delle transenne parapedonali verso la sede stradale; impediscono inoltre la corretta fruizione delle banchine di attesa del trasporto pubblico e sono di ostacolo al transito pedonale, in particolare di chi ha disabilità.”

“Abbiamo deciso – ha proseguito – di dare il via ad una nuova iniziativa promozionale rivolta a chi vorrà usufruire del servizio offerto dal Bicipark in stazione: fino al 31 dicembre gli studenti, possessori o meno di abbonamento ferroviario, potranno avere uno sconto del 50% sull’acquisto di qualunque tipo di abbonamento del Bicipark”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *