Vicenza, letture nel chiostro di Palazzo San Giacomo

Vicenza – Leggere, o comunque incontrare, un buon libro tra quattro mura ma a cielo aperto. Uno spazio speciale dunque come lo può essere un piccolo cortile rischiarato da una luce estiva che scende dall’alto, magari il chiostro di una biblioteca. E’ su questa suggestione che dal 14 al 27 luglio la Biblioteca Bertoliana di Vicenza apre al pubblico il suo chiostro di Palazzo San Giacomo, in contra’ Riale, facendone un salotto dove incontrarsi per ascoltare parole di qualità narrate, discusse, interpretate.

Si tratta dell’iniziativa “INchiostro, un’ora con…” nata dalla collaborazione della Bertoliana con il critico letterario Marco Cavalli. L’idea da cui prende le mosse è la consapevolezza che la lettura è un cerchio, non solo perché è piena, avvolgente, rotonda e a suo modo perfetta, ma perché ha tante persone che le stanno intorno per accudirla, farla crescere, sostenerla.

La rassegna si apre il 14 luglio con l’incontro dal titolo “Un’ora con … Virgilio Scapin. L’uomo che viveva di libri”.  Daranno voce alle pagine dello scrittore e libraio vicentino Marco Cavalli e Stefania Carlesso; le musiche invece saranno eseguite dal chitarrista Giulio Filotto. Con questo incontro la Bertoliana rende un nuovo omaggioScapin, scomparso il 27 dicembre 2006. Leggere le sue pagine significa riaprire le porte della libreria Do Rode, inaugurata nel 1962 nel cuore di Vicenza, salotto letterario per amici e scrittori quali Giovanni Comisso, Goffredo Parise, Guido Piovene, Neri Pozza, Fernando Bandini, e luogo di ispirazione e di genesi dei libri e dei racconti di maggior successo.

Definito da Fernando Bandini “scrittore ruspante e non di allevamento”, Virgilio Scapin seppe intingere di sano folklore, di sapori rustici e di suoni smaliziati sia la sua opera letteraria che i suoi rapporti umani, tanto da essere ricordato come una persona devota alle amicizie “con una tendenza ad assumere la guida dell’allegria”. Di Scapin la Bertoliana conserva l’archivio personale, donato nel 2001, ed oggi inventariato e consultabile per studi e ricerche.

Il 20 luglio Luciano Zampese proporrà “Un’ora con Luigi Meneghello”. A dieci anni dalla scomparsa dell’autore di “Libera nos a Malo” e “I piccoli maestri”, l’incontro sarà l’occasione per riascoltarlo proprio dentro la Bertoliana, luogo che Meneghello scelse, insieme al Centro manoscritti dell’Università di Pavia, come custode di una parte del suo carteggio, donato a Vicenza nel 1999. L’accompagnamento musicale della serata sarà affidato al sax di Ettore Martin.

Il 27 luglio concluderanno il ciclo  gli scrittori di Scarp de Tenis, protagonisti di un laboratorio di lettura e scrittura creativa ideato dallo storico giornale di strada e dall’attrice Stefania Carlesso, in collaborazione con la Caritas diocesana vicentina. Il laboratorio, realizzato nella biblioteca di Palazzo Costantini tra marzo e giugno di quest’anno, è stato per l’occasione trasformato in una performance letteria, accompagnata dal musicista Bruno Montorio. Ogni appuntamento durerà circa un’ora ed in caso di maltempo sarà spostato a Palazzo Cordellina. Per info: consulenza.bertoliana@comune.vicenza.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *