giovedì , 21 Ottobre 2021

Torrione, il pensiero di Vicenza Capoluogo

Anche l’associazione Vicenza Capoluogo interviene sull’ipotesi che il Comune di Vicenza acquisti lo storico Torrione di Porta Castello…

*****

Vicenza – Il dibattito sul Torrione di Porta Castello, a Vicenza, è al centro delle cronache cittadine di queste settimane. Il Torrione rappresenta senza dubbio uno dei simboli della nostra città, sebbene da secoli non sia più proprietà pubblica. È sempre stimolante che su questi temi si crei un sano confronto perché indubbiamente ciò induce cittadini e amministratori a riflessioni più ampie, approfondite che cerchino di tener conto del maggior bene comune, pur in considerazione delle varie sensibilità e posizioni. Entro il 26 luglio il Comune di Vicenza può esercitare il diritto di prelazione per una cifra estremamente vantaggiosa ed i 350 mila euro che servirebbero per l’acquisto sono già stati precauzionalmente messi in bilancio.

Perché allora l’amministrazione sta ancora riflettendo sul suo acquisto? Non certo per titubanza o per mancanza di soldi, ma perché il privato che si è aggiudicato all’asta il Torrione ha messo in campo una proposta che è oggettivamente molto interessante e vantaggiosa per la nostra città. Il dottor Coppola, infatti, ha in mente di creare una Fondazione che lasci la nuda proprietà al Comune e che tenga l’usufrutto del Torrione per farci un museo di arte contemporanea, accollandosi tutte le spese di sistemazione, di gestione, di allestimento, di assicurazione, di eventuali manutenzioni ed, ovviamente, il costo delle opere d’arte stesse.

Vicenza, grazie a questo accordo, avrebbe la possibilità di avere un museo di arte contemporanea senza alcun esborso da parte delle casse comunali. Raro esempio di mecenatismo all’americana, questo precedente potrebbe fare da apripista per altri generosi imprenditori che, come il dottor Coppola, amando la nostra città, fossero desiderosi di lasciare un segno del proprio passaggio in questo luogo collegando il proprio nome a lodevoli iniziative in favore di tutti i cittadini. La sua proposta garantisce un servizio pubblico di rilevante contenuto culturale che, a parer nostro, non potrebbe essere garantito diversamente. Acquistare il torrione per poi rischiare di lasciarlo chiuso per mancanza di risorse non ci pare proprio la scelta più saggia.

Chi amministra la cosa pubblica ha del resto il dovere di scegliere, per quanto possibile, la soluzione più conveniente in termini di opportunità, in questo caso culturale, e quella che pesi meno sulle tasche dei cittadini. Mercoledì 19 luglio, in occasione della seduta della quatra Commissione presieduta dal consigliere Ennio Tosetto, auspichiamo che, nell’affrontare la questione, si ascoltino anche le posizioni e le visioni del dottor Coppola, affinché esse contribuiscano ad individuare la soluzione più utile alla città. Pensiamo ad una soluzione che offra ai cittadini tutti la più concreta e reale possibilità di usufruire di questo grande patrimonio che è il Torrione che resta simbolo prezioso della città, non tanto perché essa lo possiede, ma perché essa individua e attua strategie moderne per poterne godere.

Vicenza Capoluogo – Il Consiglio Direttivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità