Breaking News

Stop rischio idraulico dopo i lavori nelle rogge

Vicenza – Sono stati risolti i problemi idraulici alle rogge Roggetta, meglio nota come Trissino Vaccheria, Seriola e Tribolo, nel territorio comunale di Vicenza, grazie ad un recente intervento di consolidamento spondale con palificata e pietrame, nonché di ripresa frane.

Se non si fosse intervenuto, i tre corsi d’acqua sarebbero potuti essere oggetto di pericolosi cedimenti in alcuni tratti delle sponde, a causa della normale azione erosiva dell’acqua, ma anche della presenza, delle nutrie, roditori il cui costante e pericoloso traforo non ha ancora trovato un’efficace soluzione.

“Abbiamo più volte denunciato – ha commentato Silvio Parise, presidente del Consorzio di bonifica Alta Pianura Veneta, ente che ha eseguito gli interventi – la necessità di porre rimedio alla proliferazione delle nutrie, ma ad oggi non risultano adottate metodologie efficaci a ridurre la presenza di questo animale la cui pericolosità è altissima ed i cui effetti sugli argini sono tanto subdoli quanto difficilmente individuabili. Occorrerà agire al più presto, in quanto gli interventi che i Consorzi possono eseguire nel territorio sono difficilmente preventivi”.

In particolare, per l’intervento di consolidamento delle sponde della roggia Roggetta sono stati impiegati 35 pali in castagno e 20 tonnellate di pietrame; alla roggia Seriola il consolidamento è stato effettuato con 45 pali in castagno e 45 tonnellate di pietrame, in un tratto di 70 metri del corso d’acqua; infine, alla roggia Tribolo, dove la sponda del corso d’acqua poteva essere oggetto di frane a seguito del deflusso delle acque, l’intervento ha previsto l’impiego di più di 48 tonnellate di pietrame, lungo un tratto di circa 50 metri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *