sabato , 19 Giugno 2021

Robotica, Schio tra i migliori ai mondiali in Giappone

Venezia – “Studenti dell’Itis De Pretto di Schio, già campioni italiani, sono volati in Giappone per disputare le olimpiadi della robotica. Meritano un plauso collettivo e un aiuto concreto. Ci sono scuole italiane, che hanno superato le selezioni nazionali, ma che non hanno potuto partecipare alla competizione mondiale a Nagoya per assenza di sponsor e contributi dalle istituzioni. In Veneto questo non deve accadere e non accadrà mai, perché Regione, autonomie locali ad aziende credono e investono nella scuola, e in particolare in quelle tecniche e professionali, che rappresentano la chiave del successo del made in Italy”.

Così l’assessore regionale all’istruzione Elena Donazzan, plaude al successo dei quattro studenti dell’istituto tecnico industriale scledense che, freschi di maturità, hanno conquistato il quarto posto assoluto (su 22 squadre partecipanti) nella categoria Rescue Maze della massima competizione mondiale per studenti costruttori e programmatori di robot, confermando una lunga tradizione di successi della scuola vicentina a Robocup. L’assessore ha anche confermato la decisione di stanziare tremila euro di contributo regionale per l’istituto De Pretto, a sostegno delle spese di trasferta dei quattro allievi e dei due professori che li accompagnano.

“Domani porterò il provvedimento all’esame della giunta – ha detto la Donazzan – e sono certa che l’esecutivo darà via libera ad un aiuto concreto e meritato. Il lusinghiero posizionamento degli studenti del De Pretto, ai piedi del podio delle olimpiadi nipponiche, dimostra che la qualità dei nostri percorsi formativi può competere con successo con istituti e nazioni che dominano da sempre la scena della robotica mondiale, come Giappone e Germania”.

“Ringrazio le aziende e le istituzioni locali che, con le loro sponsorizzazioni, continuano a sostenere la partecipazione degli studenti a sfide così impegnative e promettenti – ha concluso l’assessore -. E’ questo impegno corale del territorio per le proprie scuole che fa del Veneto una isola felice per successi scolastici, eccellenza formativa e capacità di inserimento dei neodiplomati nel mondo del lavoro”. I quattro allievi del De Pretto di Schio sono Gabriele Dalla Via, Rares Florian Covaci, Matteo Meneghini e Davide Lora, ed hanno concluso la loro avventura nella competizione mondiale di Nagoya programmando robot per recuperare persone travolte dalle macerie di un cataclisma, ora si stanno godendo il lusinghiero risultato raggiunto prolungando di alcuni giorni il loro viaggio in Giappone”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità