Il Pd nazionale si impegna a favore delle Province

Roma – Più di cinquanta segretari provinciali del Pd sollecitano i loro rappresentanti governativi e parlamentari affinché si trovi una soluzione al problema che attanaglia le Province italiane, vale a dire la insostenibile carenza di risorse finanziarie. Un appello che sarà ascoltato? Qualcosa, forse, si muove dato che la segreteria nazionale del partito Democratico, attrtaverso Matteo Ricci, responsabile del Dipartimento autonomie ed enti locali, dichiara di fa propria l’istanza presentata dai segretari provinciali.

E’ quanto si legge in una nota diffusa oggi dal Partito Democratico nel quale si rendo noto che una richiesta di impegno in questo senso “è stata formalizzata in un incontro che si è tenuto a Roma il 6 luglio con il responsabile enti locali della segreteria nazionale”

Nell’incontro, sottolineano i segretari provinciali, assieme a questioni interne del partito, è stata illustrata la situazione di difficoltà nella quale versano gli enti intermedi e quanto tutto questo si traduca poi in disservizi per tutti i cittadini.

“E’ fondamentale – proseguono i segretari provinciali del Pd – garantire una maggiore sicurezza sulla viabilità stradale secondaria, adeguate manutenzioni per le scuole superiori e per la cura del territorio. Per raggiungere questo obiettivo, le Province italiane devono essere messe nelle condizioni di poter chiudere in equilibrio i loro bilanci. Per questo abbiamo chiesto e ottenuto un impegno preciso dalla segreteria nazionale del partito e dai nostri rappresentanti nel governo”.

“Accogliamo quindi con favore – concludono – l’impegno del governo, su dichiarazione della sottosegretaria di Stato alla presidenza del Consiglio dei ministri, Maria Elena Boschi, a garantire ulteriori 100 milioni di euro alle Province e alle città metropolitan,e per far fronte alla delicata situazione finanziaria nella quale versano. Queste risorse aiuteranno i nostri enti intermedi a garantire il rispetto dei diritti essenziali dei cittadini dei nostri territori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *