Arte, Cultura e Spettacoli

Montecchio, sono di scena i mille volti di Giulietta

Montecchio Maggiore – I Mille volti di Giulietta, il festival spin off di Estate d’Eventi, che l’assessorato alla cultura del Comune di Montecchio Maggiore propone in collaborazione con il circuito regionale teatrale Arteven, si veste degli abiti della commedia dell’arte per il penultimo appuntamento al castello di Romeo. E’ fissato per sabato 29 Luglio, alle 21.15,  e ad esibirsi sarà la compagnia Stivalaccio Teatro, che ha già dimostrato nel corso della scorsa stagione e con le nuove proposte, in scena in questi giorni in Veneto, di saper coniugare il classico ed il contemporaneo, l’innovazione e la ricerca linguistica.

Proporranno quello che ormai è un cavallo di battaglia, ovvero “Romeo e Giulietta. L’amore è Saltimbanco”, versione rivisitata e corretta della grande tragedia shakespeariana. Ecco la trama della piece. Siamo nel 1574 e Venezia è in subbuglio. Per calli e fondamenta circola una voce: Enrico III di Valois, diretto a Parigi per essere incoronato Re di Francia, passerà una notte nella Serenissima. Un onore immenso per il Doge e per la città lagunare. Giulio Pasquati e Girolamo Salimbeni, coppia di ciarlatani saltimbanco dai trascorsi burrascosi, vengono incaricati di dare spettacolo in onore del principe.

Non dovrà essere una storia qualunque, ma la più grande storia d’amore che sia mai stata scritta: Romeo e Giulietta. hanno due ore di tempo per prepararsi ad andare in scena, provare lo spettacolo ma, soprattutto trovare la Giulietta giusta, casta e pura, da far ammirare al principe Enrico. Ed ecco comparire nel campiello la procace Veronica Franco, poetessa e honorata cortigiana della Repubblica, disposta a cimentarsi nell’improbabile parte dell’illibata giovinetta.

Fra lazzi e canti si dipana la vicenda e, come dice Marco Zoppello, “Shakespeare diventa materia viva nel quale immergere le mani, per portare sul palco , attraverso il Teatro Popolare, le grandi passioni dell’uomo, le gelosie Otelliane, i pregiudizi da Mercante, Tempeste e naufragi, in una danza tra la vita e la morte, coltelli e veleni”. Ulteriori  informazioni sul sito web www.arteven.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button