lunedì , 21 Giugno 2021

Montecchio Maggiore, controlli nei locali etnici

Montecchio Maggiore – Ristoranti etnici nel mirino delle autorità di Montecchio Maggiore. Raccogliendo alcune segnalazioni di cittadini, la Polizia locale dei Castelli sta infatti operando una serie di controlli negli esercizi che somministrano alimenti al pubblico, per verificare il rispetto delle norme igienico sanitarie, il rispetto delle autorizzazioni amministrative e la regolarità degli addetti e dei dipendenti da un punto di vista sia documentale, trattandosi spesso si tratta di lavoratori stranieri, che contrattuale, per contrastare il lavoro nero.

E così è stato la sera del 18 luglio, quando sei agenti, assieme a due tecnici del dipartimento di prevenzione dell’Ulss 8 Berica, hanno effettuato un accurato controllo in un locale cittadino che propone cucina etnica. Presenti anche il comandante della polizia locale, Massimo Borgo, e il consigliere comunale Maurizio Meggiolaro.

Da controllo è emersa una non perfetta tenuta degli ambienti destinati alla preparazione degli alimenti da servire ai tavoli, alcune anomalie nei servizi igienici destinati al personale, la necessità di aumentare la pulizia degli ambienti e la necessità di ripristinare un aspiratore nel magazzino. Nessuna carenza che preveda la chiusura del locale, ma sono scattate sanzioni per un totale di circa mille euro e sono state impartite prescrizioni alle quali il gestore dovrà ottemperare entro pochi giorni.

Sono stati anche controllati i sette dipendenti e il titolare, tutti stranieri, risultati in regola con il permesso di soggiorno. Sono in corso accertamenti sulla regolarità dei contratti di lavoro: se dovessero emergere irregolarità saranno segnalate agli organi competenti. “La salute dei cittadini viene prima di tutto – ha ricordato il sindaco di Montecchio Maggiore, Milena Cecchetto, -. È per questo che promuoviamo questo tipo di controlli”.

“Al momento delle verifiche ha precisato il comandante della polizia locale – erano presenti avventori che non sono stati disturbati, anzi alcuni di loro hanno ringraziato gli agenti affermando di sentirsi più sicuri con questi controlli. Tra l’altro, sono state individuate immediatamente le situazioni da cui sono scaturite le sanzioni e le prescrizioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità