Vicenzavicenzareport

Ha 37 grammi di cocaina ed è recidivo. Arrestato

Vicenza – Un cinquantenne vicentino è stato arrestato nell’ultimo finesettimana, dalla Guardia di Finanza, perché trovato in possesso di 37 grammi di cocaina. L’accusa è quella di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo è M.D., residente a Creazzo, ed è stato pizzicato dai finanzieri durante una serie di controlli antidroga che le Fiamme Gialle stavano facendo a Vicenza. Tutto questo nella notte tra particolare, tra venerdì e sabato, quando la Sezione mobile del Nucleo di polizia tributaria di Vicenza ha sottoposto a controllo la sua auto.

Durante il controllo, i finanzieri hanno consultato la banca dati dei precedenti penali, scoprendo che M.D.  era gravato da precedenti di polizia, soprattutto per spaccio di stupefacenti. I militari hanno quindi fatto un’accurata ispezione del veicol,o trovando due grammi di cocaina. Considerando i vari elementi, hanno ritenuto il soggetto che potesse aver ripreso l’attività di spaccio e hanno esteso le ricerce alla sua casa. Dalla perquisizione dell’appartamento sono saltati fuori altri 35 grammi di cocaina, oltre ad un bilancino di precisione.

Automatico a quel punto l’arresto del cinquantenne, convalidato poi dalla autorità giudiziaria berica con l’applicazione degli arresti domiciliari, in attesa di procedere all’interrogatorio di garanzia. Le indagini avviate dalla Guardia di Finanza hanno portato alla conclusione che lo stupefacente sequestrato fosse destinato ad avventori di locali della movida vicentina.

“L’operazione – ha poi sottolineato la GdF in una nota – rientra nel dispositivo permanente di contrasto ai traffici illeciti, predisposto dal Comando provinciale di Vicenza per contrastare lo spaccio di droghe nei locali notturni della zona, che molto spesso pone in grave pericolo di vita, oltre agli stessi consumatori, anche incolpevoli e ignari automobilisti che si trovano coinvolti in incidenti stradali causati proprio da conducenti sotto l’effetto di sostanze psicotrope”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button