Cultura e Spettacoli

Danza, “Rambert Event” in scena a Operaestate

Bassano del Grappa – Sarà un’estate di danza sotto il segno del rock quella di Operaestate Festival, che il 22 luglio, alle 21.20, nel Teatro al Castello, vedrà in scena Rambert Event, l’evento della compagnia Rambert che unisce le coreografie di Merce Cunningham alla musica eseguita dal vivo da Philip Selway dei Radiohead. Gli Events del leggendario coreografo Merce Cunningham sono stati fin dall’inizio una sorta di biblioteca del suo rivoluzionario approccio alla danza: ognuno di essi è infatti realizzato a partire da estratti di coreografie, alle quali si uniscono poi musica e scenografia per rendere ogni performance unica e adatta al luogo dello spettacolo.

“Presentato per la prima volta nel 2014 – spiegano gli organizzatori – in occasione del cinquantesimo anniversario della presentazione del primo evento, Rambert Event unisce estratti dai lavori di Cunningham alla musica live di Philip Selway, Adem Ilhan e Quinta, ma anche ai costumi e alla scenografia creati a partire dai dipinti dell’artista tedesco Gerhard Richter, ispirati ai lavori di John Cage, partner artistico e di vita di Merce Cunningham”.

“A coordinare gli artisti e curare le coreografie c’è una donna: Jeannie Steele, danzatrice della Merce Cunningham Company per vent’anni e per altri sei assistente proprio di Merce Cunningham in sala prove. In linea con i principi del maestro, la Steele ha trasmesso le coreografie ai danzatori e ha portato avanti le prove in sala senza accompagnamento musicale e senza indizi sulla scenografia, che vengono scoperte dai danzatori la sera del debutto, quando sono già in scena. Anche la musica è composta indipendentemente dalla danza, ma Philip Selway e i Radiohead, che festeggiano quest’anno i vent’anni dall’uscita dell’album “Ok computer”, conoscono bene la danza di Cunningham”.

Già nel 2003, infatti, la band e il coreografo avevano collaborato per la creazione “Split Sides”, insieme a Sigur Ròs. Per Rambert Event l’eclettico musicista compone una partitura che unisce musica acustica ed elettronica, eseguita live insieme al bassista Adem Ilhan e a Quinta, nome d’arte della musicista Katherine Mann. Per festeggiare il ritorno in Italia della compagnia, è in programma, sempre il 22 luglio ma alle 10, una masterclass per danzatori con Jeannie Steele, e alle 16, al Museo Civico, una conferenza con la ricercatrice Gaia Clotilde Chernetich e i rappresentanti della Fondazione Bonotto, custode di numerose opere attribuite a Cunningham e Cage. Info e prenotazioni: Biglietteria Operaestate (0424.524214). Tutto il programma del festival su: www.operaestate.it.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button