Breaking News

E’ crisi idrica nel vicentino. Alcuni consigli utili

Arzignano – “Risparmiate l’acqua”, è chiaro l’appello che giunge dal Consiglio di bacino della Valle del Chiampo, contenuto in una nota inviata ai sindaci dell’ovest vicentino ovvero di Arzignano, Altissimo, Brendola, Chiampo, Crespadoro, Gambellara, Lonigo, Montebello Vicentino, Montecchio Maggiore, Montorso, Nogarole, San Pietro Mussolino e Zermeghedo. Insomma, la siccità è forte e siamo in uno stato di evidente crisi idrica quindi il copnsiglio è quello “di porre in atto tutti i provvedimenti di competenza per limitare l’uso dell’acqua potabile per scopi non essenziali”.

“E’ molto importante – ha sottolineato il presidente del consiglio di bacino, Giorgio Gentilin – seguire queste indicazioni, ed è molto importante che la popolazione ne sia informata. Ogni singolo contributo permetterà di fronteggiare la carenza d’acqua determinata dall’eccezionale situazione meteorologica che ha investito il nostro territorio”

l Consiglio di bacino della Valle del Chiamp non manca di fornire ai cittadini alcune indicazioni utili per risparmiare acqua:

  • Scegliere la doccia invece del bagno: in media, riempire la vasca comporta un consumo d’acqua quattro volte superiore rispetto alla doccia.
  • Per ridurre i consumi d’acqua in bagno, tenere aperto il rubinetto solo per il tempo necessario.
  • Effettuare i lavaggi in lavatrice e lavastoviglie solo a pieno carico.
  • Lavare piatti, frutta e verdura in una bacinella e usate l’acqua corrente solo per il risciacquo.
  • Riutilizzare l’acqua adoperata per lavare le verdure per innaffiare il giardino.
  • Innaffiare piante, orti, parchi, vivai, piantagioni ed ogni altra coltura agraria la sera dopo il tramonto, in quanto l’acqua evapora più lentamente.
  • Evitare l’utilizzo di acqua potabile proveniente dal pubblico acquedotto per il lavaggio dei veicoli e degli spazi aperti, per il riempimento di piscine ed in genere per tutti gli usi di carattere non strettamente potabile, igienico-sanitario e domestico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *