Breaking News

Botte al nonno e armi in casa. 24enne arrestato

Arcugnano – Un operaio di 24 anni, Alex Pauletto, è stato arrestato con l’accusa di detenzione di armi clandestine. In seguito ad una perquisizione, infatti, i carabinieri della compagnia di Vicenza, hanno trovato in camera del giovane due fucili, che egli non avrebbe potuto però detenere, perché privo del richiesto porto d’armi. Uno dei due fucili, inoltre, una doppietta, è risultata avere la matricola abrasa. Un particolare che potrebbe produrre anche una accusa di ricettazione, nel caso si scoprisse che l’arma è stata rubata.

In realtà, quando ieri mattina i militari si sono presentati a casa del 24enne, in zona lago di Fimon, l’hanno fatto per notificargli un ordine di allontanamento famigliare, che era stato emesso dal tribunale di Vicenza. Nel gennaio di quest’anno, infatti, il nonno 80enne del ragazzo si era rivolto ai carabinieri di Brendola per sporgere una denuncia, nei confronti del nipote, per maltrattamenti e lesioni personali.

In seguito all’attività investigativa dei militari, è stato emesso l’ordine di allontanamento e, al momento di comunicarlo al ragazzo, nella sua stanza i carabinieri hanno notato qualcosa di veramente strano: otto cartucce calibro 12. Per questo gli uomini dell’arma hanno deciso di perquisire la stanza. Sono state così ritrovate le armi, una doppietta calibro 12 con matricola abrasa ed un fucile monocanna modello Flobert, calibro 9, detenute, come detto senza autorizzazione. Denunciato per possesso di armi, oltre che per maltrattamenti, Pauletto è stato arrestato e si trova ora ai domiciliari a casa della madre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *