sabato , 19 Giugno 2021
Allarme clima

Allarme clima, Ginato: “Dal governo risposte concrete”

Roma – “Continueremo a spingere perché ci sia la massima attenzione su una situazione che sta davvero mettendo in difficoltà tanti produttori. In questi anni sono state introdotte misure importanti da parte del Governo, ma chiederemo un impegno straordinario per ulteriori azioni di sostegno. Oggi le polemiche non hanno senso né portano aiuto. C’è la necessità di fare squadra, perché l’intero settore dell’agricoltura continua a subire le conseguenze dei cambiamenti climatici: oggi per la grandinata preceduta da settimane di siccità, nel mese di aprile per il gelo”.

Il deputato del Pd Federico Ginato interviene così in merito all’allarme siccità in Veneto, ed in generale sulle questioni legate al clima, rispondendo anche alla polemica della Regione contro il governo. “La Regione – spiega – sostiene che dal governo non siano arrivate risposte, ma gli annunci della giunta regionale vengono smentiti dalla realtà dei fatti. Il ministro dell’agricoltura Maurizio Martina è da tempo impegnato per provare a dare risposte strutturali a un tema complesso come quello dei cambiamenti del clima e della conseguente siccità”.

“In particolare – continua Ginato – in questi anni sono stati aumentati gli anticipi dei fondi europei Pac (Politica agricola comune) fino al 70% del totale, verranno investiti 700 milioni di euro per il rafforzamento delle infrastrutture irrigue, con un conseguente minor spreco di acqua, e infine è stato attivato il fondo di solidarietà nazionale per consentire alle aziende non assicurate di poter sospendere le rate dei mutui e dei contributi assistenziali e previdenziali. Tutti questi interventi rientrano in una logica precisa di sostegno all’agricoltura e agli agricoltori che stanno subendo ingenti perdite”.

“Di fronte a così tante difficoltà – conclude il parlamentare -, e per rispetto di chi lavora e chiede alla politica delle risposte, è necessario fare squadra. Da un lato è importante rispondere in maniera decisa alle emergenze, dall’altro è fondamentale cercare di dare risposte nel medio-lungo termine: a partire da una politica urbanistica e di pianificazione del territorio diversa da quella che la Regione Veneto ha adottato in questi anni”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità