martedì , 20 Aprile 2021

Acquedotto di Sovizzo libero dal rischio Pfas

Sovizzo – I cittadini di Sovizzo, e in particolar modo gli istituti scolastici, bevono acqua pulita e senza inquinamento da Pfas. A dirlo sono i tecnici di Acque Vicentine nell’ambito dell’ultimo ciclo di analisi di controllo sulla rete idrica del territorio. A seguito di una richiesta specifica da parte del Comune di Sovizzo, la società fornitrice ha inoltre eseguito dei controlli sull’acqua distribuita nei plessi scolastici, analizzando i campioni prelevati direttamente dagli istituti scolastici del paese. Dai controlli non sono emerse irregolarità nei valori di riferimento, andando quindi a certificare la sicurezza degli impianti che servono le scuole locali, libere dal problema della presenza di sostanze inquinanti.

“Una sicurezza che riguarda tutto il territorio di Sovizzo – spiega una nota del Comune -, che come è noto infatti viene servito dal medesimo acquedotto che rifornisce la città di Vicenza. L’acqua di questa rete proviene dal serbatoio di Monte Crocetta, che alimenta gli acquedotti di Gambugliano, Monteviale, Creazzo, Altavilla Vicentina, Arcugnano e Sovizzo. Il percorso, dal punto di origine e fino al rubinetto di casa, viene controllato costantemente con monitoraggi continui alla fonte, lungo la rete e nei punti di erogazione. L’acqua che i cittadini di Sovizzo bevono può quindi dirsi assolutamente a norma, potabile e soprattutto non interessata dalla contaminazione di sostanze perfluoroalchiliche, gli ormai tristemente celebri Pfas”.

“Possiamo rassicurare i cittadini sulla sicurezza della rete idrica comunale – ha sottolineato il sindaco, Marilisa Munari -. Questa operazione di controllo focalizzata sulle nostre scuole voleva essere una certificazione a riprova di quanto come amministrazione abbiamo sempre sostenuto, ovvero che l’acqua che esce dai nostri rubinetti è al sicuro dal rischio di inquinamento e che la rete che ci serve viene costantemente controllata. Resta purtroppo l’inquinamento della falda, problema serio per il quale siamo sempre attivi per tutelare i cittadini e ottenere la punizione di chi ha provocato questo disastro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità