Breaking News
Nuove nomine nella Fondazione Teatro Comunale

Vicenza, fondi regionali alle istituzioni culturali

Venezia – Buone notizie per due importanti istituzioni culturali pubbliche di Vicenza, la Fondazione Teatro Comunale e l’Orchestra del Teatro Olimpico. La giunta regionale del Veneto infatti, su proposta dell’assessore alla cultura, Cristiano Corazzari, ha concesso due contributi, di 140 mila euro alla prima e 110 mila euro alla seconda.

“Il teatro – ha messo in evidenza l’assessore – svolge un’intensa e apprezzata attività che vivacizza il panorama culturale vicentino, qualificando nel contempo anche l’offerta turistica della città. Le finalità della Fondazione, inoltre, sono quelle che la stessa Regione persegue e cioè quelle di promuovere e valorizzare la produzione di attività multidisciplinari nell’ambito dello spettacolo dal vivo nelle sue varie forme, quali il teatro, la musica e la danza e sostenere attività artistiche e culturali finalizzate a salvaguardare l’identità e le tradizioni del territorio”.

“L’orchestra invece – ha aggiunto Corazzari – è una sorta di bottega musicale, all’interno della quale quaranta musicisti, selezionati fra centinaia di under 30, diplomati nei conservatori del Veneto e d’Italia, hanno la possibilità di perfezionarsi sotto la guida di qualificati docenti. Lo scopo è quello di offrire ai giovani musicisti un percorso di perfezionamento altamente formativo, che li aiuti ad entrare stabilmente in grandi enti orchestrali e, nel contempo, realizzare stagioni concertistiche di qualità, arricchite dalla presenza di apprezzati solisti e direttori”.

“Nell’estate 2017 – ha concluso l’assessore – l’orchestra terrà infatti una serie di concerti, sia nel Teatro Comunale che nel cortile di palazzo Barbaran da Porto, dal titolo Notturni Palladiani. Ma va ricordata anche l’iniziativa, promossa in collaborazione con il Conservatorio di Vicenza, di mettere a disposizione della cattedra di direzione d’orchestra una formazione professionale, in modo da offrire la possibilità agli studenti di sostenere l’esame finale con una vera orchestra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *