Vicenza, cemento e asfalto in viale del Sole

Intervento dei Cristiani per la Pace di Vicenza sulle opere di viabilità pubblica previste nel quadrante ovest della città, su viale del Sole…

*****

Vicenza – Nel quadrante ovest del comune di Vicenza sono iniziati, inizieranno o potrebbero iniziare a breve, importanti opere: una nuova grande stazione carburanti dell’Auchan, la rotatoria fra strada Cattane e viale del Sole, che deve essere realizzata quanto prima, e la tangenziale ovest. La nuova vasta zona che l’Auchan è stata autorizzata a cementificare è limitrofa all’area della tangenziale ovest già attenzionata dall’Unesco sia nella Hia (Valutazione d’impatto sul bene) che nell’Advisory Mission, e rientra nelle aree dove l’Unesco chiede che vengano al più presto fissate nuove regole per prevenire lo sviluppo di ulteriori urbanizzazioni.

I lavori che riguardano la realizzazione della grande stazione di carburanti Auchan sono iniziati, anche lungo viale del Sole, ben prima dell’ordinanza emessa il 12 maggio da Vi.Abilità (proocollo 6720) e rilasciata con validità “fuori dal centro abitato in comune di Vicenza” che, contrariamente a quanto prescritto, non viene fatta rispettare dagli agenti predisposti alla disciplina del traffico.

La rotatoria Auchan, come più volte anticipato dall’assessore dalla Pozza, avrà un diametro di 47 metri perché calcolata (su dati 2014 forniti dall’Auchan in sede di Valutazione di Impatto Ambientale) su un traffico nel viale del Sole di 25.766 veicoli equivalenti dalle 8 alle 20. Sempre su viale del Sole, quindi sullo stesso tratto di strada, Società Autostrade Brescia-Padova, nel 2012, rilevava invece (anche qui in sede di Via) un transito di 76.246 veicoli, mentre Anas nel 2014 ne rilevava 41.473.

A differenza della scelta progettuale della mini rotatoria (che verrà, per legge, finanziata da Auchan grazie un cambio di destinazione d’uso che aumenta la superficie destinata alla vendita) per la tangenziale Ovest (ex variante alla Sp 46) Anas intende realizzare, con i soldi pubblici, una rotatoria a raso con diametro di 110 metri, che verrà scavalcata dalla variante con un viadotto lungo 116 metri e alto 7 metri. La valutazione di questo viadotto è stata esclusa dalla Via.

Su queste premesse, a tutela del Patrimonio Unesco, abbiamo ritenuto opportuno inviare una segnalazione all’architetto Listzin, estensore della Hia e al professor Furrer, estensore del Report dell’Advisory Misison Unesco.

Cristiani per la pace Vicenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *