Vicenzavicenzareport

Vicenza, alloggi pubblici al setaccio del M5S

Vicenza – Patrimonio immobiliare del Comune di Vicenza nel mirino del Movimento 5 Stelle ed oggetto di una interrogazione consiliare di Liliana Zaltron, consigliera comunale pentastellata del capoluogo berico, secondo la quale la gestione dell’amministrazione comunale vicentina non brillerebbe per efficienza. “Il comune – sottolinea la Zaltron – possiede 1499 unità abitative di edilizia popolare. A febbraio 2016 ,come Movimento 5 Stelle, interessato alla gestione della cosa comune, abbiamo chiesto il dettaglio della situazione di tali alloggi. La richiesta era: quante case sono utilizzate, quante sono sfitte ma assegnabili e quante sono inagibili?”

Liliana Zaltron
Liliana Zaltron

“Per la risposta – rivela la consigliera comunale – c’è voluto quasi un anno e mezzo, e ci è stato detto che 146 unità sono inagibili non assegnabili. Inoltre dal 2013, nove unità immobiliari erano nella lista delle proprietà da vendere. E’ risultato però che non si è mai chiesta l’autorizzazione alla Regione, e quindi la vendita è sempre stata solo virtuale. Quest’anno, finalmente, le unità scompaiono dalla lista dei beni in vendita. Si potrebbe pensare che non ci siano i soldi per sistemare i 146 alloggi, ma il 30 maggio è stato deliberato in consiglio comunale l’acquisto di 50 alloggi per un importo di sette milioni di euro”.

“Qual è – si chiede l’esponente M5S – la ratio di una decisione come questa: la mancata conoscenza che ben 146 unità non sono agibili (il dato è stato reso disponibile solo qualche giorno fa dopo più di un anno dalla richesta), la semplice confusione o che altro ? Abbiamo inoltrato una nuova interrogazione per capire come l’amministrazione intenda procedere in relazione a questi immobili inagibili, quele sia la loro ubicazione e quali i dati catastali. Chiediamo inoltre se sono stati fatti preventivi per la loro ristrutturazione degli stessi e, se sì, a quanto ammonta la spesa. Speriamo di non dover attendere più di un anno anche per questa risposta”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button