Senza categoria

Valli del Pasubio, riapre la Val Fontana d’oro

Valli del Pasubio – Ci sono due novità, a Valli del Pasubio, che desteranno sicuramente interesse. La prima è la riapertura, dopo nove anni, della Val Fontana d’oro, uno dei sentieri che risale il monte Pasubio, l’altra invece riguarda il ritorno della gara di corsa “Superpippo”. Per quanto riguarda la Val Fontana d’oro, questo percorso, tracciato e reso praticabile dal Battaglione Aosta durante la prima guerra mondiale, era stato chiuso nel 2008, a seguito di diversi cedimenti del sentiero nella parte superiore, dove si raccorda per un breve tratto con la Strada delle 52 Gallerie.

Grazie all’importante investimento del progetto Va.Po.Re – ha spiegato il sindaco di Valli del Pasubio, Armando Cunegato – siamo riusciti a sistemare questo problema e i lavori di disgaggio nella parte alta di Fontana d’oro sono terminati poco tempo fa. La strada è stata ufficialmente riaperta da circa dieci giorni”. Per quanto riguarda, invece, la seconda novità, in luglio su quello stesso percorso, dopo 14 anni di assenza, ritornerà a corrersi la Superpippo, la regina delle Skyrun del Veneto, una delle gare con maggior blasone e storia della corsa in montagna vicentina.

“Contestualmente alla riapertura del sentiero – ha aggiunto Cunegato – rimettiamo in pista anche la Superpippo, una delle prime gare di corsa in montagna vicentine nate negli anni 90. Per diversi anni la gara si era spostata a Posina, in Val Sorapache. Da tanto tempo volevamo riportarla a casa, ed è quel che faremo il 16 luglio”. Con il supporto organizzativo della società Summano Cobras e il gruppo sportivo di Sant’Antonio l’amministrazione comunale di Valli ha voluto investire sulla Superpippo.

“Dopo mesi di incontri – ha concluso – possiamo confermare il ritorno di quella che è stata definita la regina delle gare di corsa in montagna, che torna sul suo storico percorso dove si è corso dal 1994 al 2003: partenza dalla frazione di Sant’Antonio, imbocco di Val Fontana d’oro fino all’incrocio con la Strada delle Gallerie, per poi concludere sulla vetta dei Forni Alti, a quota 2023 metri. Circa 1500 metri di dislivello da percorrere in 6,5 chilometri. Un’autentica ascesa verticale verso una delle cime più suggestive del Pasubio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button