La nuova giunta comunale di Thiene. Da sinistra Samperi, Strinati, Casarotto, Binotto, Michelusi e Zorzan
La nuova giunta comunale di Thiene. Da sinistra Samperi, Strinati, Casarotto, Binotto, Michelusi e Zorzan

Thiene, presentata la nuova giunta comunale

Thiene – Quattro conferme (Strinati, Zorzan, Michelusi, Samperi) ed una new entry (Anna Binotto) nella nuova giunta comunale di Thiene, dopo le elezioni dello scorso 11 giugno che hanno riconfermato come sindaco Giovanni Casarotto. Ed è stato proprio il primo cittadino, questo pomeriggio, a presentare la squadra che lo affiancherà nell’attività di governo della città nei prossimi cinque anni.

Oltre all’uscita di Maurizio Fanton, che ha lasciato il posto, in conformità alla legge sulle quote rosa, proprio a Binotto, spicca il conferimento della carica di vice sindaco a Maria Gabriella Strinati. Tra i suoi referati figurano cultura, pubblica istruzione, trasporti e mense scolastiche, istituto musicale “Città di Thiene”, pari opportunità e rapporti con le associazioni culturali.

“Dopo aver lavorato molto, nei cinque anni passati, sulla cultura – ha spiegato Strinati parlando dei progetti futuri -, ora il mio obiettivo principale sarà legato alla pubblica istruzione, perché è la scuola a dare ai giovani la formazione per poter diventare cittadini attivi”.

Numerose le deleghe, tra le quali diverse nuove, affidate ad Andrea Zorzan: lavori pubblici, manutenzioni ed arredo urbano, cimitero, protezione civile, ambiente, edilizia scolastica, edilizia privata e suap (sportello unico per le imprese), viabilità, politiche energetiche, contratti, espropriazioni e gare, rapporti con i comitati di quartiere, servizi alla persona e alla famiglia, rapporti con le associazioni del volontariato sociale ed integrazione.

“Nell’ambito del sociale – ha precisato Zorzan parlando dei prossimi progetti -, vorrei fare un’indagine sul mondo pensionato cittadino, perché spesso sono i nonni che si trovano a dover sopperire alle difficoltà della famiglia allargata. E’ importante capire la portata del fenomeno e vedere se, e in che modo, si può intervenire, perché c’è una parte di cittadinanza che, in prospettiva, potrebbe andare in crisi con la naturale mancanza di questa ancora di salvezza”.

Giampi Michelusi, invece, mantiene i referati di sport e tempo libero, rapporti con le associazioni sportive e del tempo libero, aeroporto, servizi demografici, urp, innovazione tecnologica e gestione e cura del patrimonio, ai quali si aggiunge quello per l’agricoltura. “Per quanto riguarda i referati che già avevo, le idee sono molte. A proposito, invece, della novità, l’agricoltura, dovrà essere fitto il dialogo con le associazioni di categoria. Soprattutto negli ultimi tempi molti giovani si stanno impegnando in agricoltura. L’idea è quella di mettere a disposizione di questi giovani che vogliono fare qualcosa di innovativo alcune aree comunali”.

Ad Alberto Samperi vanno le deleghe al bilancio, finanze, tributi ed economato, commercio ed animazione del centro storico, sicurezza, lavoro ed impresa, progetti integrati sovracomunali, bandi europei e personale. “Un primo obiettivo, per quanto riguarda il commercio, – ha spiegato Samperi, è il completamento del progetto dei distretti. Dopo l’estate organizzeremo un convegno per presentare il lavoro di analisi fatto e alcune proposte da portare avanti per il centro storico”.

Ad Anna Binotto, studentessa universitaria in economia, sono affidate le politiche giovanili, il turismo, la biblioteca civica, l’urban center ed i gemellaggi. “Per cominciare- ha evidenziato il volto nuovo della giunta – dovrò aggiornarmi su quanto è stato fatto negli anni passati, è già in piedi ed è in programma. Circa le idee che ho in mente, una riguarda l’urban center, che si potrebbe sfruttare come luogo di incontro tra l’amministrazione e il mondo dei giovani, mentre l’altra concerne il turismo e il puntare sulle reti intercomunali delle quali Thiene fa parte”.

Anche il sindaco ha le idee chiare per quanto riguarda i prossimi progetti. “Parlando di riqualificazione urbanistica della città – ha infatti sottolineato Casarotto – , i primi piani saranno quello della stazione dei treni e quello dell’area ex Comboniani. Tra le priorità anche il problema della casa: accanto all’intervento dell’Ater penseremo al recupero di alcune realtà comunali, con l’obiettivo di darle alle persone che ne hanno bisogno. Un altro grosso tema sul quale stiamo lavorando da tempo, assieme a tutti i sindaci dell’Alto Vicentino, è quello della sanità e della riforma delle Ulss”.

Domani o dopo domani verrà convocato il consiglio comunale, che si terrà poi entro fine mese. In questa prima seduta verranno più che altro espletati tutti gli adempimenti tecnici obbligatori previsti per legge, mentre il primo consiglio comunale operativo, con argomenti che riguardano l’attività amministrativa vera e propria, sarà nel mese di luglio.

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *