Marco Rizzello
Marco Rizzello

Concluse le Settimane Musicali al Teatro Olimpico

Vicenza – Le Settimane Musicali al Teatro Olimpico si sono chiuse presentando al pubblico un artista esordiente che questa mattina, alle 11, alle Gallerie d’Italia Palazzo Leoni Montanari è stato protagonista del concerto di “Progetto Giovani”. Si tratta di Marco Rizzello, il pianista vincitore della settima edizione del Premio Lamberto Brunelli, concorso istituito nel 2011 dalle Settimane Musicali al Teatro Olimpico e dalla famiglia Brunelli per onorare la memoria di Lamberto Brunelli (1941-2010), ingegnere, musicofilo, socio e sostenitore del festival per molti anni.

Marco Rizzello ha convinto la commissione del concorso distinguendosi per la gestione del suono e per il fraseggio, dimostrando un controllo e una maturità superiori. In concorso, inoltre, ha scelto un repertorio che dimostra una certa predisposizione per la musica contemporanea, interpretandolo con grande equilibrio. Nel concerto di oggi ha proposto un brano a lui caro, che aveva presentato anche al concorso, quale la Sonata n. 1 dell’autore australiano contemporaneo Carl Vine , che si articola nei due movimenti “No tempo markings” e “Leggiero and legato”.

Accanto a questo autore, che merita di essere scoperto dal pubblico, il programma ha incluso due grandi classici, quali Beethoven, del quale Rizzello ha interpretetato la Sonata in mi bemolle maggiore op. 27 n.1 “Quasi una fantasia”, e Franz Liszt, del quale ha eseguito la Rapsodia Ungherese n. 12, e “Dopo una lettura di Dante” Fantasia quasi Sonata, opera ispirata alla Divina Commedia, tratta dal secondo volume di “Anni di Pellegrinaggio” e considerata oggi uno dei brani più difficili del repertorio pianistico. Vincendo il Premio Brunelli, Marco Rizzello si è aggiudicato una borsa di studio messa a disposizione dalla famiglia Brunelli e, oltre a questo concerto per il festival vicentino, una data nel cartellone della rassegna “Musica nei musei”, che si tiene nel chiostro Santa Caterina a Treviso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *