Veneto

Pedemontana, Puppato: “Un atto di imperio”

Venezia – “Un atto di imperio, sulla Pedemontana, uno schiaffo alla Corte dei conti che, con le sue richieste, vuole vederci chiaro, come è giusto, viste le conseguenze di nuovo indebitamento per decenni su un intervento che doveva essere a totale carico del privato. Luca Zaia, per non ammettere i propri e i precedenti gravi sbagli, non valuta alternative ma persevera nell’errore e, così facendo, crea un enorme debito in bilancio senza alcuna garanzia di rientrarvi tramite i pedaggi, che anzi saranno in forte ribasso rispetto alle previsioni”.

Così Laura Puppato, senatrice del Partito Democratico, commenta la firma del contratto per il completamento della Supestrada Pedemontana Veneta, sottoscrizione avvenuta nei giorni scorsi tra la Regione e la società consessionaria Sis che la sta costruendo

“L’unico interesse per la giunta è mascherare il più grande fallimento politico che si ricordi nella nostra regione, quello che, giustamente, è stato chiamato la Salerno-Reggio Calabria del Veneto, mentre non vediamo alcuna traccia delle risposte ai 13 quesiti della Corte dei conti, che chiedono di far luce sull’esplosione dei costi, o sul fatto che l’intero rischio di impresa ricade sulla Regione Veneto, o ancora su bandi che si trasformano in semplici appalti senza che vi sia una nuova gara”

“Stiamo correndo a tutta velocità contro un muro – ha concluso Puppato – e le decine di criticità, sia economiche, con la Regione a rischio default, sia formali, porteranno la Pedemontana in tribunale. Ammanta di utopie anche questo tratto del cammino, ma la realtà sarà cruda”.

Articoli correlati

Un Commento

  1. Non c’è alternativa al salvataggio delle banche venete, poi sarebbe interessante capire come sono state governate, … Lo ha sostenuto Matteo Renzi a Porta a Porta.

    Come è stata governata Veneto Banca, Matteo Renzi lo può chiedere a Laura Puppato, che quando sindaco di Montebelluna ha conferito la cittadinanza a Consoli, AD di Veneto Banca, e gli ha pure organizzato una lectio magistralis affinché spegasse a studenti delle superiori come si governa una banca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button