Il grande caldo è all'apice. Arrivano i temporali

Caldo, raggiunto il picco arrivano i temporali

Vicenza – La nostra regione, come un po’ tutta Italia comunque, è stretta in queste ore nella morsa del caldo. Temperature decisamente sopra la media, afa e una alto tasso di umidità nell’aria che rende il calore percepito ancora più insopportabile, ed in alcuni casi anche pericoloso. Gli anziani, ad esempio, corrono dei rischi, così come i cardiopatici e i bambini, le fasce insomma più fragili della popolazione. La raccomandazione è sempre quella di evitare di uscire esponendosi ai raggi solari nelle ore più calde, bere molta acqua e, nell’alimentazione, mantenersi leggeri preferendo frutta e verdura.

Come abbiamo detto più volte comunque il nostro clima si è ormai tropicalizzato, ed è diverso da quello che conoscevamo decenni orsono. Le alte temperature si associano infatti sempre di più con un alto tasso di umidità nell’aria, aspetto questo tipicamente tropicale, così come lo sono le piogge che ne conseguono quando quell’umidità raggiunge una data soglia. Ed è infatti quanto sta avvenendo in queste ore: raggiunto il picco, arriveranno i temporali, ed avremo un po’ di tregua grazie ad un abbassamento delle temperature. Farà presto comunque, la colonnina di mercurio del termometro, a puntare di nuovo verso l’alto.

Già nel pomeriggio di oggi dunque saranno possibili sul Veneto temporali e rovesci, in particolare nelle zone prealpine e pedemontane. Ma non si escludono fenomeni localmente intensi nelle pianure centro orientali. Il centro funzionale decentrato della Protezione civile della Regione Veneto avvisa inoltre del rischio di possibili criticità idrogeologiche che possono manifestarsi nelle aree dei bacini del Piave pedemontano, dell’Alto e del basso Brenta, del Bacchiglione e dell’Alpone. Disagi alla rete idrografica potrebbero verificarsi anche nell’area del Basso Adige e del bacino del Po, Fissero, Tartaro e Canalbianco, del Sile, del basso Piave e del bacino scolante in laguna, nonché del Livenza, del Lemene e del Tagliamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *