Senza categoria

Arzignano, è piaciuto il servizio Pedibus

Arzignano – Ultimo giorno di scuola ieri, e ultimo giorno anche per il servizio di Pedibus per gli alunni delle scuole primarie di Arzignano, coinvolte nel progetto avviato quest’anno per la prima volta dall’amministrazione comunale. Da settembre 2016 ad oggi, grazie a 52 volontari di tre scuole arzignanesi (Fogazzaro, San Zeno e San Rocco) 130 bambini hanno potuto recarsi a scuola a piedi in assoluta sicurezza. Un progetto fortemente voluto dall’amministrazione che, dopo l’approvazione della delibera che istituiva il Pedibus, ha da subito creato le condizioni affinché il servizio si potesse svolgere in maniera efficace.

Il progetto prevedeva l’individuazione di figure a cui è stata devoluta la gestione e l’organizzazione del servizio, ovvero i comitati genitori costituitisi nei tre plessi scolastici interessati. Tali comitati si sono occupati di raccogliere iscrizioni, volontari, e consegnare i cosiddetti dispositivi ad alta visibilità per permettere un tragitto in sicurezza dei bambini (pettorine, palette, funi per l’accompagnamento, fischietti e ponci). Dispositivi che sono stati forniti gratuitamente dall’amministrazione comunale di Arzignano. Da ricordare che il progetto è stato realizzato con il sostegno della polizia locale per la formazione e il supporto della Croce Rossa che ha addestrato i volontari alle emergenze.

“Siamo orgogliosi di questo servizio pubblico – ha commentato il sindaco di Arzignano, Giorgio Gentilin -. Ribadisco servizio pubblico, gestito dall’amministrazione comunale ed assolutamente gratuito. Voglio quindi tranquillizzare i genitori che non saranno in alcun modo chiamati a contribuire economicamente al mantenimento e potenziamento del servizio, né da noi, né da terzi. Mi auguro che al progetto aderisca un numero sempre maggiore di genitori. Per qualsiasi informazione e dubbio la polizia locale è sempre disponibile”.

“E’ allo studio da parte dell’amministrazione comunale – ha aggiunto il comandante della polizia locale, Massimo Parolin, – la possibilità di riconoscere un contributo alle scuole ed ai loro organi. Si evidenzia che il servizio svolto dai genitori è di natura volontaria, gratuito e pertanto nessuno è autorizzato a richiedere partecipazioni economiche”.

“Siamo davvero soddisfatti del successo di questa iniziativa – ha concluso l’assessore all’istruzione, Laura Ziggiotto, – perché è un modo efficace per rendere ancor più vivibile Arzignano. Con questo progetto, assieme a quello dell’educazione stradale, stiamo trasmettendo ai piccoli arzignanesi il senso della città, del rispetto delle regole e della sicurezza stradale”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button