Elezioni, ecco i risultati negli altri comuni

Romano d’Ezzelino – Oltre a Thiene, unico ente del vicentino al di sopra dei quindicimila abitanti tra quelli interessati al voto di ieri, altri otto comuni della nostra provincia hanno eletto in questa tornata 2017 i loro sindaci e rinnovato i consigli comunali. Vediamo i risultati comune per comune. Marano Vicentino, innanzitutto, che ha scelto la continuità, eleggendo, con il 72,65% dei voti Marco Guzzonato, erede della precedente esperienza del sindaco uscente Piera Moro, riconducibile al centro sinistra. Anche in questo caso dunque una vittoria schiacciante sull’avversario dello schieramento opposto, Michele Pietribiasi, (27,34%). A Romano d’Ezzelino è stato eletto Simone Bontorin che, con il 48% dei voti, ha avuto la meglio su Massimo Ronchi (43%), che era sostenuto da Lega e centro destra e rilevava il testimone e i contenuti dal sindaco uscente Rossella Olivo. Poco meno del 9% invece per il terzo candidato Giampaolo Lorenzato.

A Rosà è stato rieletto il sindaco uscente, Paolo Bordignon con il 64,92%, che ha distanziato gli avversari, Flavio Nichele (25,88%) e Paolo Stragliotto 9,2%. Elezioni davvero combattute ed equilibrate a Brendola, dove tutti partivano alla pari dato che il comune era retto da mesi da un commissario prefettizio. In lizza c’erano tre liste civiche e l’ha spuntata quella guidata da Bruno Beltrame, con il 35,6% dei voti. Ma i due avversari non sono lontani: Barbara Tamiozzo ha preso il 34,3% e Gaetano Rizzotto il 30,1%. Una vittoria di misura dunque quella di Beltrame.

Sindaci uscenti e confermati poi anche a Sandrigo e a Villaverla, per altro con percentuali bulgare dato che, nel primo, Giuliano Stivan ha fatto il pieno con l’81,25% dei voti, lasciando al suo avversario, Diego Pozzato solo il 18,74%. A Villaverla invece riconferma per Ruggero Gonzo con il 63,18%, con il contendente Andrea Vezzaro al 36,81%. Vittoria davvero sul filo di lana invece nel neonato comune di Val Liona (frutto della fusione tra San Germano dei Berici e Grancona) per Maurizio Fipponi, eletto con il 50,02% contro il 49,97% del suo avversario, Antonio Lazzari, che ha perso per un solo voto (961 contro 960).

Infine Sarego, l’unico tra i comuni al voto retto da un sindaco del Movimento 5 Stelle. E’ Roberto Castiglion, che è stato confermato per un secondo mandato con il 41,80% dei voti. Ha avuto la meglio su Nadia Fochesato, sostenuta dalla Lega Nord e dal Centro destra, che si è fermata al 37,52%, e su Fabiola Ceretta al 20,67%. Due parole per concludere sull’affluenza ai seggi. La media della provincia é stata del 58,95%, con il dato più alto a Val Liona (77,62%) ed il più basso a Sandrigo (47,69%). Non certo esaltante dunque, ed in sensibile calo rispetto alla precedente tornata amministrativa, quando fu del 66,48%. Del resto non meraviglia, dati i tempi di diffusa disaffezione verso la politica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *