Vicenza, tre “Dialoghi ai Proti” sui temi Unesco

Vicenza – Sensibilizzare i vicentini al senso di appartenenza alla città e sottolineare la responsabilità collettiva legata alla valorizzazione del patrimonio culturale, materiale e immateriale del territorio. E’ questo lo scopo per il quale si terranno, a Vicenza, i Dialoghi ai Proti, promossi dal Club for Unesco Vicenza, associazione della rete Unesco per l’educazione, la scienza e la cultura. Realizzati in collaborazione con l’Ipab, gli incontri si terranno in tre serate del mese di maggio. Si comincia giovedì 11, alle 20.30, presso la sede del club, in Contrà Giampietro Proti 3, concessa a titolo gratuito dallo stesso Ipab.

Tre i temi che saranno sviluppati, un per serata. “Il primo – spiega una nota del Club Unesco – riguarda l’abitudine a guardare distrattamente la città che ci impedisce di vedere le sue bellezze e i tesori nascosti. Diventa indispensabile ritrovare la relazione tra abitare e spazio abitato, e vivere la nostra città come una scenografia abitata di grande bellezza. Il secondo tema riguarda le strutture di cura della città, che ospitano la popolazione oltre i 65 anni abbandonata dalla famiglie a causa di un’organizzazione del lavoro che non lascia spazio alla cura. L’idea che si propone è quella di nuove soluzioni abitative che favoriscano la dignità e l’inclusione della popolazione di una certa età tra la vita attiva della città”.

“Il terzo tema – continua la nota –  riguarda le bellezze tradite, quei palazzi antichi abbandonati o in degrado, ma anche altri spazi dominati dall’incuria che offrono un’immagine brutta della città. Su questo terzo tema, i dialoghi saranno accompagnati dalle fotografie di Paula Sweet e Davide Charlie Ceccon, che aiutano ad apprezzare il patrimonio culturale e preoccuparci per il mancato impegno morale in difesa delle bellezze ereditate dal passato, che dobbiamo trasferire alle nuove generazioni. Su ogni tema si innesterà una riflessione sulle emozioni e la nostra esperienza emozionale quando entriamo in relazione con la città”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità