Verona amara per il Vicenza. Finisce 3-2

Verona – Primo maggio davvero amaro per il Vicenza Calcio, beffato a Verona e costretto ad incassare una sconfitta nel derby più sentito, nella partita più importante. La beffa è data soprattutto dal fatto che i biancorossi sono stati in vantaggio praticamente fino agli istanti finali, per essere poi raggiunti ad un minuto dalla fine dei tempi regolamentari e superati nel recupero, qualche secondo prima del fischio dell’arbitro. La squadra dunque resta quart’ultima, a 40 punti e si può dire che si sia ormai giunti all’ultima spiaggia: la prossima partita, il 6 maggio, al Menti, con la Ternana, che di punti ne ha 40 ed ha anche altrettanta voglia di salvarsi, deve essere vinta a tutti i costi. E lo stesso dovrà essere con le due che rimarranno, contro il Cittadella e contro lo Spezia, per sperare di evitare la lotteria dei play out.

Per quanto riguarda il derby di oggi, per la cronaca dettagliata rimandiamo come sempre alla nostra diretta web. Riassumiamo adesso dicendo che è stata una partita molto bella, spettacolare e combattuta, con le squadre che hanno dato tutto, protese costantemente in attacco. Il Verona ha cominciato meglio il primo tempo, ed è andata per prima in vantaggio, con Siligardi. Ma il Vicenza non dimostrava sudditanza e non ha perso lucidità, tanto che ha ben presto pareggiato con un bel gol di Bellomo.

Si è andati al riposo sull’1-1 e, se il primo tempo è stato vivace ed abbastanza ricco di occasioni, il secondo tempo non è stato da meno, anzi è stato persino più spettacolare e nell’ultima parte addirittura rocambolesco. La ripresa ha visto comunque il Vicenza partire con più grinta rispetto all’avversario. La squadra ha mostrato un buon gioco ed ha creato buone occasioni, tanto che dopo un quarto d’ora è passata in vantaggio, con Esposito…

A quel punto la partita ha preso una piega estremamente favorevole ai biancorossi, con il Verona un po’ frastornato che si faceva vedere solo a tratti. E qui c’è stata la grande pecca del Vicenza di oggi, quella di non aver saputo approfittare del buon momento realizzando un terzo gol che avrebbe messo al sicuro il risultato. Soprattutto Giacomelli, che in una azione di contropiede si è trovato a tu per tu con il portiere avversario ed ha tirato alto. Come sempre avviene in questi casi poi, a gol mancato segue gol subìto. E così, due minuti dopo, pochi istanti prima del 90’, il Verona ha pareggiato, con un gran tiro da fuori area di Bessa. Ma il peggio doveva ancora arrivare…

Il Verona è infatti galvanizzato e soprattutto affamato. Vuole vincere e comincia a martellare nei minuti di recupero, alla ricerca di una clamorosa vittoria. E ci riesce, al 50’, con Romulo che si trova sul piede il pallone giusto e al volo batte Vigorito. Il Bentegodi esplode di gioia mentre ai biancorossi crolla il mondo addosso. Neanche si mette la palla al centro dato che pochi secondi dopo l’arbitro fischia la fine. E’ 3-2 per il Verona, il nervosismo è alle stelle e quasi scoppia una rissa tra i giocatori in campo, tanto che, a partita finita, ci sono anche due espulsi, uno per parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità