Breaking News

Thiene, controlli contro le stragi del sabato sera

Thiene – Cinquanta autovetture e centododici persone controllate, una delle quali è stata segnalata alla prefettura per possesso di sostanze stupefacenti, e cinque verbali elevati. È il bilancio del servizio di controllo straordinario del territorio che ha impegnato, in questo fine settimana, dalle 22 di sabato alle 4 di domenica mattina, i carabinieri della Compagnia di Thiene.

A questa attività, volta prevenire il fenomeno delle stragi del sabato sera e coordinata dal comandante della Tenenza di Dueville, hanno partecipato sette pattuglie e una stazione mobile dotata di etilometro, per un totale di diciotto carabinieri, provenienti anche da altre stazioni, compresi quelli del nucleo cinofili di Torreglia, in provincia di Padova.

Nello specifico, sono state presidiate alcune grandi vie di comunicazione del territorio di competenza della Tenenza di Dueville, con particolare attenzione alle zone limitrofe ai locali notturni, nei comuni di Caldogno, Dueville, Costabissara e Montecchio Precalcino. Come detto, delle 112 persone controllate, una è stata segnalata alla prefettura perché trovata in possesso di 1,75 grammi di marijuana. Ad un’altra, invece, è stata sequestrata l’auto sulla quale viaggiava perché si è rifiutata di sottoporsi all’alcooltest.

In seguito alle verifiche effettuate sulle vetture, i militari hanno comminato inoltre cinque multe per violazioni al codice della strada: due per mancata revisione, una perché il guidatore non aveva la cintura di sicurezza allacciata e, infine, due per guida con patente scaduta.

“Da sottolineare il fatto che – spiega una nota dei carabinieri di Thiene -, in più di una occasione, all’interno dei veicoli controllati erano presenti ragazzi di età compresa fra i 20 e i 25 anni che avevano trascorso la serata in discoteca ed avevano sicuramente fatto uso di alcolici, ma il conducente di tali vetture è risultato negativo all’alcoltest, a testimonianza del fatto che la prevenzione del fenomeno sta dando segni di concreta attenzione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *