lunedì , 26 Aprile 2021
“Voi, cittadini, mi chiamaste Ciacco…” - Inferno, la punizione dei golosi
“Voi, cittadini, mi chiamaste Ciacco…” - Inferno, sesto canto, la punizione dei golosi

Thiene, al Chilesotti “rivive” l’Inferno di Dante

Thiene – Simpatico ed interessante progetto di transmedia storytelling degli studenti dell’Itt Chilesotti di Thiene che, prendendo spunto dallo studio della Divina Commedia, nello specifico dall’Inferno, hanno immaginato che Virgilio incontri gli uomini del 2017 e scopra che molti di noi sono simili alle anime che ha conosciuto durante il suo viaggio con Dante. Il progetto è nato nell’ambito dell’alternanza scuola lavoro e sono stati i ragazzi della terza F che, con il supporto di esperti esterni e dei docenti di informatica e lettere, hanno elaborato la storia.

“Il grande poeta latino – si legge in una nota dell’istituto thienese – si imbatte in diverse figure e riconosce che nella società attuale permangono tipologie di peccatori che ha incontra nel viaggio con Dante, come gli ignavi, i golosi, gli iracondi, i traditori ecc. Per esempio coloro che diventano dipendenti da qualcosa come il gioco, la droga o le nuove tecnologie, ricordano a Virgilio i golosi, che nell’Inferno dantesco sono i condannati che si trovano nel sesto canto. Gli studenti hanno contribuito allo sviluppo della storia e alla comprensione del mondo narrato creando un fumetto, un videoblog, un gioco e un album fotografico, utilizzando vari software, e documentando il loro lavoro tramite social network come Facebook, Snapchat e Instagram”.

L’uso della narrazione transmediale, come strumento educativo, ha permesso agli studenti di partecipare attivamente alla realizzazione del progetto e, nello stesso tempo, di sviluppare una pluralità di punti di vista. L’esperienza si concluderà venerdì 26 maggio alle 15.30, presso l’aula magna del Chilesotti, quando il lavoro verrà presentato alla docente dell’università di Verona Tiziana Cavallo, esperta di transmedia storytelling, che all’inizio dell’esperienza ha incontrato la classe per introdurre gli studenti a questo nuovo approccio alla narrazione di storie. L’incontro sarà aperto anche ai genitori degli studenti e a quanti fossero interessati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità