Nord Vicentino

“Sospesi”, a Caldogno sui passi di un migrante

Caldogno – Immedesimarsi nelle traversie che vive un migrante, ripercorrerne i passi nella nostra società. E’ quanto si propone di di fare, di offrire, una iniziativa in programma a Caldogno, dal titolo “Sospesi”. Saranno la cooperativa Cosmo, in collaborazione con il Comune di Caldogno, il consorzio Prisma e le dodici cooperative sociali associate che si occupano di accoglienza di richiedenti asilo,  ad inaugurarlo, venerdì 5 maggio, alle 20.30, presso il Bunker di Villa Caldogno.

Si tratta, di un percorso interattivo a tappe, ideato dal Coordinamento migranti del consorzio Prisma grazie al contributo della cooperativa sociale Un segno di pace, di Marostica. Il percorso permette di immedesimarsi, per quanto possibile, in un migrante e nel suo progetto migratorio. Si ripercorre, nello speciofico, la storia di Hassan, un ragazzo nigeriano che è costretto a lasciare la sua terra e, attraverso i suoi occhi, si affronta un viaggio ricostruito attraverso strutture, pannelli e installazioni che simulano gli ostacoli che i migranti affrontano, si è chiamati a prendere decisioni di fronte a ciò che accade, determinandone l’esito.

Il percorso sarà ospitato, come dicevamo, presso il Bunker di Villa Caldogno, dal 5 al 14 maggio. Attualmente le dodici cooperative ospitano 219 richiedenti asilo in 49 strutture di piccole dimensioni. Il percorso è itinerante e verrà riproposto per tutto l’anno in una serie di eventi organizzati dalle cooperative sociali dell’area migranti in altri comuni del vicentino, con lo scopo di promuovere una corretta informazione sul fenomeno migratorio e sull’accoglienza nei territori.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button