Breaking News

M5S: no a mini-idroelettrica al Ponte di Bassano

Roma – “Se ne parla da due anni ed alla fine il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha dato il via libera alla realizzazione della centrale idroelettrica a pochi metri dal Ponte degli Alpini, il ponte di Bassano del Grappa, capolavoro del Palladio. Nel 2015 avevamo chiesto al ministro Franceschini di intervenire con urgenza per salvaguardare uno degli scorci più affascinanti del nostro Paese, visitato da turisti di tutto il mondo. Allo stesso tempo avevamo chiesto all’allora ministro Guidi se non ritenesse opportuno rivedere il sistema degli incentivi destinati al mini-idro, per scoraggiare le finalità meramente speculative. Ma i ministri del Pd se ne infischiano dei problemi di Bassano, e non danno risposta alla nostra interrogazione parlamentare da quasi due anni”.

A parlare così è il senatore del Movimento Cinque Stelle Enrico Cappelletti, che non manca di rilevare come i cittadini di Bassano “siano ormai consapevoli che il loro territorio non è sicuramente tra le priorità del governatore Zaia e del suo partito, ma neanche tra quelle del governo nazionale e del centro sinistra”.

“Si è arrivati – continua Cappelletti – alla chiusura del Tribunale di Bassano del Grappa, con la Lega Nord che ha votato all’unanimità la legge che ne ha determinato la sopressione ed il Pd che ha emanato il successivo deprecabile decreto sulla riorganizzazione degli uffici giudiziari. Ci auguriamo che il Tribunale delle Acque pubbliche blocchi immediatamente lo scempio della centrale idroelettrica a pochi metri dal Ponte degli Alpini, e salvaguardi questo monumento che è il simbolo di Bassano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *