Provinciavicenzareport

Incidenti stradali, la fuga aggrava le responsabilità

Lusiana – Poco meno di due giorni. E’ questo il tempo che i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile e della stazione di Lusiana, con la collaborazione dei loro colleghi di Asiago, hanno impiegato per risalire all’automobilista che lunedì ha investito in un incidente stradale frontale un ciclista, Roberto Brotto, 51enne di Cittadella, provocandone la morte.

Dopo lo schianto, che secondo una prima ricostruzione eseguita dai militari si collocherebbe tra le 11 e le 13 di lunedì, l’automobilista non si è però fermato a prestare soccorso e il corpo dello sfortunato ciclista è stato rinvenuto solo il giorno successivo. Secondo le risultanze dell’autopsia, eseguita questa mattina, il decesso è avvenuto in pochi minuti, per cui, con ogni probabilità, ogni tentativo di soccorso sarebbe stato vano. In ogni caso, partendo dalla dinamica dei fatti, il comandante della stazione di carabinieri di Bassano del Grappa, capitano Adriano Fabio Castellari, ha ritenuto opportuno fare alcune precisazioni.

“L’omicidio stradale – ha infatti sottolineato Castellari – è una fattispecie di reato che presuppone il coinvolgimento di persone normali, che per distrazione o per negligenza provocano degli incidenti. Proprio per questo, anche per gli episodi più particolari, entro qualche giorno le forze dell’ordine riescono sempre a rintracciare i responsabili”.

“In generale, fermarsi, fornire soccorso, contattare il 118, oltre ad essere azioni fondamentali per la salute di chi rimane coinvolto in un incidente, sono anche comportamenti che scremano notevolmente le potenzialità di condanna pesante per la persona coinvolta. Fuggire, invece, è un atto incosciente, che spesso è dettato dallo shock del momento, ma in ogni caso aggrava la posizione del responsabile”.

Attualmente l’automobilista è stato denunciato in stato di libertà con le accuse di omicidio stradale e di fuga a seguito di incidente stradale, fattispecie, quest’ultima, che riassorbe anche l’omissione di soccorso.

Ilaria Martini

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button