Breaking News

Giro, sicurezza ok ed esordio di un nuovo servizio

Asiago – E’ stato importante ed efficace lo schieramento messo in campo ieri dalle forze dell’ordine per il passaggio dal vicentino della ventesima tappa del Giro d’Italia di ciclismo, la Pordenone-Asiago. Il dispositivo di ordine e sicurezza pubblica, pianificato dalla Questura di Vicenza e attuato dagli uomini e dalle donne della polizia di Stato, assieme al personale dell’arma dei Carabinieri e della Guardia di finanza, dislocato lungo tutto il tracciato della tappa nella nostra provincia, ha consentito agli spettatori di godere in sicurezza dello spettacolo offerto dal passaggio della carovana rosa.

Particolare attenzione è stata dedicata ad Asiago, dove si sono concentrati il maggior numero di spettatori. Qui il servizio è stato integrato dal personale del reparto prevenzione crimine “Veneto” della Polizia di Stato, che ha provveduto ad effettuare un’attività di controllo del territorio supplementare. Inoltre, sempre ad Asiago, per l’occasione, hanno fatto la loro prima apparizione le biciclette Mtb, guidate dai poliziotti del reparto volanti della Questura di Vicenza, che hanno assicurato un pattugliamento in profondità lungo gli ultimi tre chilometri della tappa. Si tratta, per altro, di un progetto che verrà istituito presto e che garantirà un controllo del centro storico e dei parchi della città di Vicenza.

La carovana ciclistica, come da tradizione, è stata scortata dalla polizia stradale, specialità della polizia di Stato che quest’anno festeggia il settantesimo anniversario della fondazione. Nel servizio di scorta, sono stati impiegati 40 poliziotti di cui 26 motociclisti, 12 operatori in auto e 2 operatori a bordo di un’officina meccanica mobile. Presente anche una nuova Alfa Romeo Giulia Veloce turbo benzina, un piccolo gioiello da 280 cv del rinnovato parco veicolare della polizia stradale.

Infine, sempre a cura della polizia stradale, ad Asiago, dalle 14 alle 18, è stato allestito un gazebo aperto al pubblico, nell’ambito del progetto “Biciscuola” promosso da Rcs La Gazzetta dello Sport, che ha permesso di far conoscere ai più giovani i valori del ciclismo e del Giro d’Italia, ed i temi della sicurezza e dell’educazione stradale. A coadiuvare il più ampio dispositivo di ordine e sicurezza pubblica presidiato dalle forze di polizia, ha contribuito anche al prezioso contributo delle polizie locali dei comuni interessati dal transito, nonché, non da ultimo, dei tanti volontari della Protezione civile regionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *