lunedì , 18 Ottobre 2021

BpVi e VB, M5S: “Quali rapporti con la politica?”

Roma – Non cala l’attenzione del Movimento Cinque Stelle sulle vicende travagliate delle banche popolari venete, ovvero banca Popolare di Vicenza e Veneto banca. In partico9lare è il senatore veneto Enrico Cappelletti adesso a chiedere spiegazioni, con una interrogazione parlamentare al ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, in merito ad alcune dichiarazioni del sottosegretario Baretta circa “la sussistenza di legami tra il potere finanziario ed il potere politico veneto” e sulla “responsabilità di quest’ultimo nel dissesto delle banche”.

Enrico Cappelletti
Enrico Cappelletti

Cappelletti chiede in particolare al ministro di attivarsi per verificare “quali sono le giunte compromesse con il sistema degli affari sostenute da Zaia ed in quali termini si concretizza tale compromissione; chi sono i soggetti  del mondo politico dentro fino al collo nella finanza e nelle banche, popolari e non, quali sono i termini di tale coinvolgimento e quali sono gli istituti di credito, anche non popolari, in cui tali soggetti sarebbero coinvolti; perché la maggioranza politica che ha governato il Veneto non è di certo estranea alla crisi degli istituti bancari e per quali motivi il presidente Zaia, contrariamente a quello che vuol far credere, non è l’osservatore neutrale al di sopra delle parti”.

“La Procura di Vicenza – continua il senatore M5S – sta indagando nei confronti degli ex vertici della BpVi per reati gravissimi, come l’aggiotaggio e l’ostacolo alla vigilanza, dichiarando di non poter escludere altri reati quali il falso in bilancio, l’associazione a delinquere, la truffa e l’estorsione. Vogliamo sapere se la politica ha a che fare con tutto questo, se le allusioni del sottosegretario Baretta sono supportate da elementi probatori di cui può dare indicazioni. E’ evidente che in caso affermativo sarebbe opportuno che il sottosegretario si rivolgesse alla Procura, anche per evitare di incorrere egli stesso nel reato di omessa denuncia di reato da parte di pubblico ufficiale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità