A Zugliano è tempo di “Una montagna di emozioni”

Zugliano – La montagna è ancora una volta protagonista a Zugliano. Si intitola proprio “Una montagna di emozioni”, infatti, la rassegna ad ingresso libero, giunta alla terza edizione, che partirà domani sera e che proporrà quattro serate, con inizio alle 20.45, che avranno come filo conduttore la montagna, intesa come scoperta e come momento di incontro con la natura.

Per quanto riguarda il programma, allestito con la collaborazione del Trento film festival, del Brescia winter film e della rassegna Senza orario senza bandiera prevede, il primo appuntamento è in calendario, come detto, giovedì 20 aprile e prevede la proiezione di “K2 & the Invisible Footmen”, un docufilm di Iara Lee che spiega come il raggiungimento della cima della seconda montagna più alta del mondo sia possibile grazie ai portatori di alta quota, ai quali spetta il compito di portare a termine le operazioni più faticose e rischiose. Seguendo le loro tracce, Lee ha provato a raccontare la loro vita silenziosa, conducendoci alla scoperta di scenari incredibili nei quali i portatori affrontano quotidianamente rischi incalcolabili.

Venerdì 5 maggio, si parlerà invece dell’altipiano dei Sette comuni con “Rasetle – l’Altipiano nascosto”. Durante la serata interverranno Paolo Fracaro, il creatore di questo docufilm e Daniele Zovi grande conoscitore dell’Altipiano ed ex dirigente del Corpo forestale dello stato. Protagonista dell’appuntamento di venerdì 19 maggio, sarà Davide Deganello, accompagnatore di media montagna e istruttore Nordic walking, che parlerà della sua impresa in completa solitudine, senza l’aiuto della tecnologia, “600 km a piedi, da Vicenza al Monte Bianco”, un cammino fatto di grandi fatiche, sconfitte, ritiri e rivincite.

Chiuderà la rassegna, il 31 maggio, “Alpsummer”, una produzione del 2013 di Thomas Horat, che illustra in dettaglio la vita quotidiana sugli alpeggi delle alpi della Svizzera centrale, raccontando la storia di quattro famiglie di allevatori, che gestiscono gli alpeggi secondo le pratiche tradizionali. La loro è una vita orgogliosa, dignitosa ma modesta che contrasta con l’immagine di grande benessere del paese elvetico.

Gli incontri si svolgeranno nel salone centrale di Villa Giusti, in via Villa, a Zugliano. È possibile la prenotazione dei posti inviando un messaggio via whatsapp al numero 3925273666, indicando nome cognome e numero di posti da riservare, inviando una e-mail a all’indirizzo cultura@comune.zugliano.vi.it, oppure chiamando la biblioteca civica, al numero 0445 330140.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *