mercoledì , 20 Ottobre 2021

Vicenza, scioperano corrieri e magazzinieri

Vicenza – Sciopero generale, venerdì 5 maggio, del settore corrieri e magazzinieri, indetto dalla Filt Cgil per l’intera giornata lavorativa. E’ previsto il ritrovo alle 9,30 nel piazzale della stazione di Vicenza, poi ci sarà un corteo e un comizio. In una assemblea che si è tenuta il primo aprile scorso, la Filt Cgil ha presentato, ai lavoratori del comparto delle merci e della logistica della provincia di Vicenza, una bozza di piattaforma contrattuale provinciale che è stata approvata all’unanimità.

Un documento che accomuna lavoratori e lavoratrici delle aziende e delle società che operano nel settore della distribuzione e movimentazione delle merci, che dovrebbero essere tutti inquadrati con il vigente Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo alla “Logistica, trasporto merci e spedizioni”.

“E’ assolutamente necessario – ha ricordato Daniele Conte, della segreteria Filt Cgil -, regolamentare e contrastare la concorrenza sleale tra i competitori nel mercato del lavoro delle multinazionali e delle cooperative spurie e vanno implementate le tutele per i lavoratori che operano negli appalti del settore e che vivono condizioni retributive e operative al massimo ribasso e al di sotto della soglia della legalità. Vanno ripristinate le condizioni contrattuali, per retribuire i lavoratori in modo proporzionale alla qualità e quantità di lavoro svolto, in ogni caso sufficiente alla sopravvivenza loro e delle loro famiglie e, in generale, che permettano una vita dignitosa per le migliaia di persone che operano nel settore anche nella provincia berica!”

“Nonostante qui a Vicenza siano state aperte molteplici vertenze e sottoscritti innumerevoli accordi sindacali – ha aggiunto il sindacalista -, riscontriamo da parte di società e aziende che operano in provincia, il persistere della mancata applicazione del Ccnl di riferimento. Per questa situazione di diffusa irregolarità, si è costituito il Coordinamento provinciale settoriale. Ed ora i rappresentanti dei lavoratori hanno deciso di lanciare un ulteriore sciopero per rendere nota la situazione e favorire un miglioramento delle condizioni di lavoro e di salario”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità