Breaking News
Il Parco Fornaci, a Vicenza
Il Parco Fornaci, a Vicenza

Nel vicentino è tempo di “Social Day”

Vicenza – Sono molti gli studenti di varie scuole superiori della nostra provincia che prendono parte, venerdì 7 e sabato 8 aprile, al Social Day, un percorso di cittadinanza attiva, gestito e realizzato da giovani, che prevede anche lo svolgimento di attività di volontariato per raccogliere fondi da destinare poi a diversi progetti di solidarietà e di cooperazione allo sviluppo.

A Vicenza saranno più di 160 gli studenti degli istituti superiori Fogazzaro, Canova, Boscardin, Quadri, Rossi e Lioy saranno impegnati in questa iniziativa, promossa dalle cooperative sociali Insieme e Tangram. Tra domani e dopo domani, ad esempio, quindici studenti, assieme a nove richiedenti asilo, si occuperanno della pulizia del parco Fornaci.

Quaranta saranno invece i ragazzi impegnati nelle sedi distaccate della biblioteca Bertoliana a Laghetto, in Riviera Berica e a Villaggio del Sole per riordinare le raccolte librarie e in via Fermi per una pulizia dell’area verde. Inoltre, in collaborazione con il Comune di Sovizzo, quattro studenti del liceo Quadri, di Vicenza, si metteranno al lavoro per sistemare l’impianto di irrigazione del verde lungo la pista ciclabile di via Cremona. Una sessantina di studenti collaborerà con il Comune di Vicenza, e i restanti saranno al lavoro in altri Comuni o in aziende private.

Nel territorio di Thiene il Social Day viene coordinato dalla cooperativa sociale Radicà, e coinvolgerà quattro classi della scuola secondaria di primo grado Laverda, di Breganze e due degli istituti thienesi Bassani e Ferrarin, gli istituti Ceccato e Chilesotti, il liceo Corradini, l’ipsia Garbin e il centro di formazione professionale San Gaetano – Engim. Parteciperanno inoltre i ragazzi del Progetto giovani di Thiene, di Zugliano e di Malo.

I ragazzi saranno impegnati in bar, edicole, negozi, aziende, supermercati, abitazioni, sedi di associazioni, cooperative sociali, parchi, ma anche in vari comuni. Dipingeranno ringhiere, puliranno aree verdi, tinteggeranno sale delle biblioteche, ripareranno biciclette e altro ancora. Il tutto, come detto, con lo scopo di raccogliere fondi per sostenere alcuni progetti, scelti dagli stessi ragazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *